Vedi ultimo messaggio Violenza sugli arbitri: minimo un anno di squalifica

Il Consiglio Figc ha delegato Gravina all'introduzione di un nuovo comma. Nicchi: "Tolleranza meno uno".

Minimo un anno di squalifica a chi si renderà responsabile di episodi di "condotta violenta" nei confronti di un direttore di gara. Lo ha stabilito il Consiglio della Figc che ha delegato il presidente Gravina a scrivere un nuovo comma dell'art. 19 del codice di giustizia sportiva. "Tolleranza zero? No, meno uno su questa cosa - ha commentato il presidente dell'Aia Marcello Nicchi -. Non possiamo mandare al massacro i nostri ragazzi".

Il numero uno della federazione calcistica, d'intesa con i vicepresidenti Sibilia e Micciché, dovrà scrivere un nuovo comma dell'articolo 19 del codice di giustizia sportiva che preveda l'introduzione della squalifica di un anno per i responsabili di comportamenti violenti nei confronti di un arbitro, tenendo conto delle norme sulla stessa materia in vigore in Fifa e Uefa e nelle altre federazioni.

NICCHI: "TOLLERANZA ZERO? NO, MENO UNO"
Uno dei primi a commentare la decisione è stato Marcello Nicchi, il numero uno dell'associazione italiana arbitri: "Tolleranza zero? No, meno uno per quanto riguarda la rivisitazione di questa norma contro la violenza sugli arbitri. È un problema nazionale, non solo Aia. Noi siamo le vittime. L'argomento - ha aggiunto Nicchi - è grave e va affrontato in modo deciso e subito, questo lo ha recepito il consiglio federale. Spero che si volti pagina perché così non si può andare avanti, non possiamo mandare al massacro i nostri ragazzi".

Fonte: sportmediaset

Scrivi un commento [ Indietro ]

Tutti (o quasi) gli arbitri AIA su arbitri.com! E tu ci sei?

Cognome Sezione

Trova le designazioni della tua squadra!

Squadra

 Ultimi iscritti

Nome utente Iscritto il
idaci3 16 dic
clarash16 16 dic
amandawi3 16 dic
Staceyfor 16 dic
alyceyt1 16 dic
HotakFK 15 dic
eliseovito 15 dic
sheilakz60 15 dic


moviola
Regolamento
Vita sezionale

 Login

Nome utente:


Password:


Ricordati di me