Come ripartiremo?

Il luogo dove puoi conoscere altri arbitri della tua sezione, parlare di raduni, riunioni tecniche, tornei e tutto ciò che riguarda la tua sezione

Come ripartiremo?

Messaggioda Verdifra il mer mag 13, 2020 11:17 am

La domanda è ovviamente senza una risposta, ma mi chiedo come farà il calcio a ripartire dove per calcio non intendo la serie A ma i giovanissimi, gli allievi... o anche l'eccellenza.
Se al mare dovremmo stare a distanza, se le scuole saranno un problema, un ragazzo di 16/20 anni che va ad arbitrare e si ritrova in uno spogliatoio da condividere con almeno due colleghi delle gare precedenti e successive, una terna che condivide docce e spogliatoio unico e modesto nella gran parte dei casi, spostamenti coi mezzi pubblici comunque difficoltosi e costosi, saranno le vere problematiche del giorno dopo.
Se fossi il genitore di un ragazzo/a che a 18 anni va ad arbitrare francamente sarei perplesso nel mandarlo adesso specie se, magari senza patente, deve usare mezzi pubblici per farlo ambito provinciale e se poi aggiungiamo che magari potrebbero pensare alle scuole con turni anche pomeridiani o anche al sabato per recuperare e limitare le classi ecco che abbiamo perso i ragazzi.
E i nuovi corsi? Online puoi fare molto ma poi l'esordio sul campo col tutor lo riesci a fare?
Le riunioni tecniche si possono fare virtuali, le elezioni si possono fare online ma arbitrare non si può fare in smart working e per le serie minori e i campionati giovanili la vedo dura specie senza quel poco di pubblico che, in alcune società, portava qualche euro di incasso ai biglietti e altri euro di incasso ai bar interni.
E chiaramente non ho parlato di Sportilia... da sempre croce e delizia dei raduni con 2/3 colleghi assieme in camera.
I test regolamentari li facciamo online... ma quelli atletici? tante domande... Poche risposte... Qualche spunto di conversazione. Nessuna polemica.
Avatar utente
Verdifra
Fischietto di bronzo
 
Messaggi: 929
Iscritto il: gio feb 05, 2009 10:48 pm
Ha detto grazie: 23 volte
E'stato ringraziato : 15 volte

Re: Come ripartiremo?

Messaggioda divisarossa il mer mag 13, 2020 11:25 am

Verdifra ha scritto:La domanda è ovviamente senza una risposta, ma mi chiedo come farà il calcio a ripartire dove per calcio non intendo la serie A ma i giovanissimi, gli allievi... o anche l'eccellenza.
Se al mare dovremmo stare a distanza, se le scuole saranno un problema, un ragazzo di 16/20 anni che va ad arbitrare e si ritrova in uno spogliatoio da condividere con almeno due colleghi delle gare precedenti e successive, una terna che condivide docce e spogliatoio unico e modesto nella gran parte dei casi, spostamenti coi mezzi pubblici comunque difficoltosi e costosi, saranno le vere problematiche del giorno dopo.
Se fossi il genitore di un ragazzo/a che a 18 anni va ad arbitrare francamente sarei perplesso nel mandarlo adesso specie se, magari senza patente, deve usare mezzi pubblici per farlo ambito provinciale e se poi aggiungiamo che magari potrebbero pensare alle scuole con turni anche pomeridiani o anche al sabato per recuperare e limitare le classi ecco che abbiamo perso i ragazzi.
E i nuovi corsi? Online puoi fare molto ma poi l'esordio sul campo col tutor lo riesci a fare?
Le riunioni tecniche si possono fare virtuali, le elezioni si possono fare online ma arbitrare non si può fare in smart working e per le serie minori e i campionati giovanili la vedo dura specie senza quel poco di pubblico che, in alcune società, portava qualche euro di incasso ai biglietti e altri euro di incasso ai bar interni.
E chiaramente non ho parlato di Sportilia... da sempre croce e delizia dei raduni con 2/3 colleghi assieme in camera.
I test regolamentari li facciamo online... ma quelli atletici? tante domande... Poche risposte... Qualche spunto di conversazione. Nessuna polemica.

Forse questa considerazione è fatta ad oggi che vediamo tutto nero. Ci sarà un punto in cui si inizierà nuovamente tutto come prima, si spera meglio con qualche norma igienica in più, ma tutto ricomincerà. Non sarà settembre, sarà gennaio magari. Ma si tornerà a stare a meno di un metro, a non indossare mascherine e guanti. Lo sport è ripreso anche dopo la pandemia di cento anni fa, la fortuna al giorno d'oggi che abbiamo (e avremo) medicinali e informazione adeguata.

E' evidente che i dilettanti (e dico dalla D in giu, ma anche la C secondo me) non partiranno mai con tutte queste regole di distanziamento che attualmente sono necessarie. Per questione di costi e logistica. Quindi quando si tornerà a giocare lo si farà quando la situazione si sarà calmata.
divisarossa
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 4714
Iscritto il: mer giu 09, 2010 8:37 pm
Ha detto grazie: 8 volte
E'stato ringraziato : 314 volte

Re: Come ripartiremo?

Messaggioda Verdifra il mer mag 13, 2020 11:30 am

divisarossa ha scritto:
Verdifra ha scritto:La domanda è ovviamente senza una risposta, ma mi chiedo come farà il calcio a ripartire dove per calcio non intendo la serie A ma i giovanissimi, gli allievi... o anche l'eccellenza.
Se al mare dovremmo stare a distanza, se le scuole saranno un problema, un ragazzo di 16/20 anni che va ad arbitrare e si ritrova in uno spogliatoio da condividere con almeno due colleghi delle gare precedenti e successive, una terna che condivide docce e spogliatoio unico e modesto nella gran parte dei casi, spostamenti coi mezzi pubblici comunque difficoltosi e costosi, saranno le vere problematiche del giorno dopo.
Se fossi il genitore di un ragazzo/a che a 18 anni va ad arbitrare francamente sarei perplesso nel mandarlo adesso specie se, magari senza patente, deve usare mezzi pubblici per farlo ambito provinciale e se poi aggiungiamo che magari potrebbero pensare alle scuole con turni anche pomeridiani o anche al sabato per recuperare e limitare le classi ecco che abbiamo perso i ragazzi.
E i nuovi corsi? Online puoi fare molto ma poi l'esordio sul campo col tutor lo riesci a fare?
Le riunioni tecniche si possono fare virtuali, le elezioni si possono fare online ma arbitrare non si può fare in smart working e per le serie minori e i campionati giovanili la vedo dura specie senza quel poco di pubblico che, in alcune società, portava qualche euro di incasso ai biglietti e altri euro di incasso ai bar interni.
E chiaramente non ho parlato di Sportilia... da sempre croce e delizia dei raduni con 2/3 colleghi assieme in camera.
I test regolamentari li facciamo online... ma quelli atletici? tante domande... Poche risposte... Qualche spunto di conversazione. Nessuna polemica.

Forse questa considerazione è fatta ad oggi che vediamo tutto nero. Ci sarà un punto in cui si inizierà nuovamente tutto come prima, si spera meglio con qualche norma igienica in più, ma tutto ricomincerà. Non sarà settembre, sarà gennaio magari. Ma si tornerà a stare a meno di un metro, a non indossare mascherine e guanti. Lo sport è ripreso anche dopo la pandemia di cento anni fa, la fortuna al giorno d'oggi che abbiamo (e avremo) medicinali e informazione adeguata.

E' evidente che i dilettanti (e dico dalla D in giu, ma anche la C secondo me) non partiranno mai con tutte queste regole di distanziamento che attualmente sono necessarie. Per questione di costi e logistica. Quindi quando si tornerà a giocare lo si farà quando la situazione si sarà calmata.


Era esattamente quello che intendevo io. Non era assolutamente una visione pessimistica. Non ho chiaramente una previsione reale ma è palese che finirà tutto prima o poi così come finirono la peste qualche secolo fa o la spagnola un secolo fa specie se consideriamo che come società ci siamo evoluti e quindi, sempre pensando positivo, dovremmo anche metterci qualcosa in meno a venirne fuori.
Avatar utente
Verdifra
Fischietto di bronzo
 
Messaggi: 929
Iscritto il: gio feb 05, 2009 10:48 pm
Ha detto grazie: 23 volte
E'stato ringraziato : 15 volte

Re: Come ripartiremo?

Messaggioda gad il mer mag 13, 2020 6:20 pm

La mia domanda invece è: "perchè la serie A deve ripartire?" Perchè io per andare in spiaggia devo mettermi la mascherina, fare i turni, stare a distanza e tutte le boiate che sto leggendo in questi giorni ecc,ecc....e della altra gente può continuare a spalare milioni correndo, sudando e sputando ed entrando in contatto fisico tra loro? E il discorso vale anche per tutte le altre attività più o meno voluttuarie come bere il caffè,fare la spesa,comprare un vestito, pagare un vaglia...... O il virus si diffonde se non si prendono delle precauzioni oppure non si diffonde. Non è che dentro un rettangolo verde la virologia funziona in modo diverso......
Un cartellino rosso è come l'esplosione di una bomba;il giallo l'accensione di un timer. Possiamo dare al pubblico 15 secondi di sorpresa o 15 minuti di suspence. -A. Hitchcok-
Avatar utente
gad
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 3171
Iscritto il: lun mag 09, 2011 7:56 pm
Ha detto grazie: 84 volte
E'stato ringraziato : 328 volte

Re: Come ripartiremo?

Messaggioda Verdifra il mer mag 13, 2020 8:57 pm

gad ha scritto:La mia domanda invece è: "perchè la serie A deve ripartire?" Perchè io per andare in spiaggia devo mettermi la mascherina, fare i turni, stare a distanza e tutte le boiate che sto leggendo in questi giorni ecc,ecc....e della altra gente può continuare a spalare milioni correndo, sudando e sputando ed entrando in contatto fisico tra loro? E il discorso vale anche per tutte le altre attività più o meno voluttuarie come bere il caffè,fare la spesa,comprare un vestito, pagare un vaglia...... O il virus si diffonde se non si prendono delle precauzioni oppure non si diffonde. Non è che dentro un rettangolo verde la virologia funziona in modo diverso......


Ci sono due interessi da contemperare. Sicuramente prevale quello della salute ma non puoi dimenticare l'aspetto economico. in Cina hanno potuto serenamente chiudere un'intera provincia. in Italia non possiamo permetterci una chiusura completa e alcune cose sono necessariamente restate aperte. Altre aprono e capisco che non sono beni essenziali, ma dietro quei beni non essenziali c'è chi ci mangia. Il calcio stesso, la serie A, oltre a portare circa 7 miliardi di PIL è essenziale per il calcio minore e per gli altri sport. Il CONI senza la serie A non arriverebbe molto lontano. Non sono i calciatori che mi interessano ma quel mondo che va oltre la piccolissima punta dell'iceberg e se ricordi la sola mancata qualifica della nazionale ai mondiali fu un danno economico per tutto lo sport non da poco.

-- 13/05/2020, 22:00 --

Chiaramente io ho parlato degli arbitri ma come immaginiamo 16/18 ragazzini in spogliatoi dove manca poco stanno in braccio per fare le docce? Non facciamo docce... E va beh.. Non si cambiano se non a turno... Tante, troppe limitazioni per partire
Avatar utente
Verdifra
Fischietto di bronzo
 
Messaggi: 929
Iscritto il: gio feb 05, 2009 10:48 pm
Ha detto grazie: 23 volte
E'stato ringraziato : 15 volte

Re: Come ripartiremo?

Messaggioda solaris77 il mer mag 13, 2020 9:32 pm

Verdifra ha scritto:La domanda è ovviamente senza una risposta, ma mi chiedo come farà il calcio a ripartire dove per calcio non intendo la serie A ma i giovanissimi, gli allievi... o anche l'eccellenza.
Se al mare dovremmo stare a distanza, se le scuole saranno un problema, un ragazzo di 16/20 anni che va ad arbitrare e si ritrova in uno spogliatoio da condividere con almeno due colleghi delle gare precedenti e successive, una terna che condivide docce e spogliatoio unico e modesto nella gran parte dei casi, spostamenti coi mezzi pubblici comunque difficoltosi e costosi, saranno le vere problematiche del giorno dopo.
Se fossi il genitore di un ragazzo/a che a 18 anni va ad arbitrare francamente sarei perplesso nel mandarlo adesso specie se, magari senza patente, deve usare mezzi pubblici per farlo ambito provinciale e se poi aggiungiamo che magari potrebbero pensare alle scuole con turni anche pomeridiani o anche al sabato per recuperare e limitare le classi ecco che abbiamo perso i ragazzi.
E i nuovi corsi? Online puoi fare molto ma poi l'esordio sul campo col tutor lo riesci a fare?
Le riunioni tecniche si possono fare virtuali, le elezioni si possono fare online ma arbitrare non si può fare in smart working e per le serie minori e i campionati giovanili la vedo dura specie senza quel poco di pubblico che, in alcune società, portava qualche euro di incasso ai biglietti e altri euro di incasso ai bar interni.
E chiaramente non ho parlato di Sportilia... da sempre croce e delizia dei raduni con 2/3 colleghi assieme in camera.
I test regolamentari li facciamo online... ma quelli atletici? tante domande... Poche risposte... Qualche spunto di conversazione. Nessuna polemica.


credo che sportilia possa anche chiudere, per quel poco che resta....quest'anno non ci andrà nessuno...visto che pure la serie A ripartirà a settembre, ottobre e via via tutti gli altri campionati, dubito che a dicembre si possa fare un raduno li sopra
solaris77
 
Messaggi: 46
Iscritto il: mar ago 17, 2010 11:18 pm
Ha detto grazie: 0 volte
E'stato ringraziato : 5 volte
Qualifica: Osservatore
Categoria: Seconda

Re: Come ripartiremo?

Messaggioda Dode il gio mag 14, 2020 7:23 am

gad ha scritto:La mia domanda invece è: "perchè la serie A deve ripartire?" Perchè io per andare in spiaggia devo mettermi la mascherina, fare i turni, stare a distanza e tutte le boiate che sto leggendo in questi giorni ecc,ecc....e della altra gente può continuare a spalare milioni correndo, sudando e sputando ed entrando in contatto fisico tra loro? E il discorso vale anche per tutte le altre attività più o meno voluttuarie come bere il caffè,fare la spesa,comprare un vestito, pagare un vaglia...... O il virus si diffonde se non si prendono delle precauzioni oppure non si diffonde. Non è che dentro un rettangolo verde la virologia funziona in modo diverso......


Ti rispondo fornendoti il punto di vista (opinabile, come ogni altra cosa) favorevole alla ripresa della serie A.
La Serie A ha le risorse per portare alla domenica allo stadio 40 persone al 99% sane, che potranno giocare normalmente in un contesto di rischio contagio basso. Ancor piu se nel mese di campionato restante accadra, come credo, che le squadre saranno "bloccate in ritiro" senza avere contatti col mondo esterno se non i trasferimenti negli stadi.
E io, ragazzi, ho assolutamente voglia di tornare il piu possibile alla normalita, anche prendendo qualche piccolo rischio.
# Dode e Torqui ti disprezzano
Avatar utente
Dode
Top Forumista 2012
 
Messaggi: 5334
Iscritto il: mer set 12, 2007 11:40 am
Ha detto grazie: 0 volte
E'stato ringraziato : 249 volte
Qualifica: Arbitro
Categoria: Eccellenza

Re: Come ripartiremo?

Messaggioda divisarossa il gio mag 14, 2020 12:05 pm

gad ha scritto:La mia domanda invece è: "perchè la serie A deve ripartire?" Perchè io per andare in spiaggia devo mettermi la mascherina, fare i turni, stare a distanza e tutte le boiate che sto leggendo in questi giorni ecc,ecc....e della altra gente può continuare a spalare milioni correndo, sudando e sputando ed entrando in contatto fisico tra loro? E il discorso vale anche per tutte le altre attività più o meno voluttuarie come bere il caffè,fare la spesa,comprare un vestito, pagare un vaglia...... O il virus si diffonde se non si prendono delle precauzioni oppure non si diffonde. Non è che dentro un rettangolo verde la virologia funziona in modo diverso......


Perchè il calcio non è solo quei calciatori che prendono milioni, è la mutualità per le leghe inferiori, è il negozio che vende abbigliamento sportivo, è il catering, sono le migliaia di collaboratori dalla A in giu, tv, giornali.
E' un indotto infinito.
Secondo me per le squadre passerà quasi in secondo piano il raggiungimento dell'obbiettivo sportivo, in questa stagione che potrebbe concludersi. A quasi tutte sarà sufficiente riprendere e finire, per non fallire.
Il "sacrificio" che si chiede a tutti loro in cambio è di stare isolati per un pò, per ridurre al minimo il contagio. quindi raduno perenne, senza tornare a casa, senza uscire dal ritiro. Non penso sia un grande sacrificio neppure per l'ultimo degli inservienti, a fronte di uno stipendio e un futuro assicurato

-- gio mag 14, 2020 1:08 pm --

Verdifra ha scritto: come immaginiamo 16/18 ragazzini in spogliatoi dove manca poco stanno in braccio per fare le docce? Non facciamo docce... E va beh.. Non si cambiano se non a turno... Tante, troppe limitazioni per partire


che tra l'altro non cambiarsi e non farsi la doccia sarebbe paradossale a livello di salute. Ok precauzione per il covid ma la polmonite poi ti viene perchè vai in giro sudato, o ti viene qualche altra influenza stagionale perchè non ti sei coperto abbastanza. Per dire che sarebbero a rischio salute ancora di piu cosi
divisarossa
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 4714
Iscritto il: mer giu 09, 2010 8:37 pm
Ha detto grazie: 8 volte
E'stato ringraziato : 314 volte

Re: Come ripartiremo?

Messaggioda Verdifra il gio mag 14, 2020 12:14 pm

divisarossa ha scritto:
gad ha scritto:La mia domanda invece è: "perchè la serie A deve ripartire?" Perchè io per andare in spiaggia devo mettermi la mascherina, fare i turni, stare a distanza e tutte le boiate che sto leggendo in questi giorni ecc,ecc....e della altra gente può continuare a spalare milioni correndo, sudando e sputando ed entrando in contatto fisico tra loro? E il discorso vale anche per tutte le altre attività più o meno voluttuarie come bere il caffè,fare la spesa,comprare un vestito, pagare un vaglia...... O il virus si diffonde se non si prendono delle precauzioni oppure non si diffonde. Non è che dentro un rettangolo verde la virologia funziona in modo diverso......


Perchè il calcio non è solo quei calciatori che prendono milioni, è la mutualità per le leghe inferiori, è il negozio che vende abbigliamento sportivo, è il catering, sono le migliaia di collaboratori dalla A in giu, tv, giornali.
E' un indotto infinito.
Secondo me per le squadre passerà quasi in secondo piano il raggiungimento dell'obbiettivo sportivo, in questa stagione che potrebbe concludersi. A quasi tutte sarà sufficiente riprendere e finire, per non fallire.
Il "sacrificio" che si chiede a tutti loro in cambio è di stare isolati per un pò, per ridurre al minimo il contagio. quindi raduno perenne, senza tornare a casa, senza uscire dal ritiro. Non penso sia un grande sacrificio neppure per l'ultimo degli inservienti, a fronte di uno stipendio e un futuro assicurato

-- gio mag 14, 2020 1:08 pm --

Verdifra ha scritto: come immaginiamo 16/18 ragazzini in spogliatoi dove manca poco stanno in braccio per fare le docce? Non facciamo docce... E va beh.. Non si cambiano se non a turno... Tante, troppe limitazioni per partire


che tra l'altro non cambiarsi e non farsi la doccia sarebbe paradossale a livello di salute. Ok precauzione per il covid ma la polmonite poi ti viene perchè vai in giro sudato, o ti viene qualche altra influenza stagionale perchè non ti sei coperto abbastanza. Per dire che sarebbero a rischio salute ancora di piu cosi

Assolutamente concorde su tutto.
Avatar utente
Verdifra
Fischietto di bronzo
 
Messaggi: 929
Iscritto il: gio feb 05, 2009 10:48 pm
Ha detto grazie: 23 volte
E'stato ringraziato : 15 volte

Re: Come ripartiremo?

Messaggioda gad il sab mag 16, 2020 8:26 am

Sarà.... ma io non comprendo il punto. Anche io sono favorevole al ritorno alla normalità prendendomi qualche piccolo rischio. Ed' è sicuramente vera tutta la questione economica, l'indotto ecc,ecc.....ci sono centinaia di settori che hanno comunque un indotto economico comparabile (p.e. abbigliamento, turismo, ristorazione, spettacolo) e che forse coinvolgono molta più gente e molto più imprenditori e molti più "veri"(passatemi il termine) lavoratori che non hanno, a leggere i giornali dove serie A è scritto in grassetto e in alto, la stessa priorità. Anche a fronte di un rischio minore di contatto fisico. Io penso che si debba e si possa riprendere in tutti i settori, ma che il calcio, a livello di priorità, non occupi di certo i primissimi posti.
Un cartellino rosso è come l'esplosione di una bomba;il giallo l'accensione di un timer. Possiamo dare al pubblico 15 secondi di sorpresa o 15 minuti di suspence. -A. Hitchcok-
Avatar utente
gad
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 3171
Iscritto il: lun mag 09, 2011 7:56 pm
Ha detto grazie: 84 volte
E'stato ringraziato : 328 volte

Prossimo

Torna a Vita sezionale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti