Movimenti presidenti CRA

Tutto quello che non trovi in tutte le altre sezioni

Movimenti presidenti CRA

Messaggioda shark007 il sab apr 29, 2017 11:24 am

Premetto ho poca dimestichezza con il forum, se commetto errori vogliate consigliarmi per il meglio, vi risulta o forse è troppo prematuro che vi siano già dei movimenti per i futuri o riconfermati presidenti regionali? Perchè mi è giunta indiscrezione molto attendibile che un presidente CRA dopo due anni di mandato, sarà proposto alla CAI come O.T. di solito non è consuetudine rimanere in carica per almeno 4 anni?
shark007
 
Messaggi: 6
Iscritto il: mer giu 22, 2016 7:48 am
Ha detto grazie: 0 volte
E'stato ringraziato : 0 volte
Sezione di: Como
Qualifica: Arbitro
Categoria: Terza

Re: Movimenti presidenti CRA

Messaggioda benhorne il sab apr 29, 2017 12:10 pm

Nessuna consuetudine, il mandato da presidente Cra dura un anno e ci sono stati decine di presidenti rimasti in carica 1-2 anni. Non so a chi ti riferisci in particolare, ma non ci sarebbe nulla di strano.
benhorne
 
Messaggi: 56
Iscritto il: ven feb 17, 2017 12:46 pm
Ha detto grazie: 0 volte
E'stato ringraziato : 12 volte

Re: Movimenti presidenti CRA

Messaggioda cecco25 il lun mag 01, 2017 10:29 pm

A chi ti riferisci ?
credi sempre in ciò che fai e se ad un tratto tutto sembra perduto non ti fermare perchè se vali veramente, il campo, prima o poi, lo riconosce
cecco25
Fischietto d'argento
 
Messaggi: 2981
Iscritto il: ven dic 07, 2007 7:32 pm
Ha detto grazie: 7 volte
E'stato ringraziato : 43 volte

Re: Movimenti presidenti CRA

Messaggioda missed_approach il mar mag 02, 2017 7:04 am

shark007 ha scritto:Premetto ho poca dimestichezza con il forum, se commetto errori vogliate consigliarmi per il meglio,


Togli la sezione di appartenenza...con una breve ricerca ho già il tuo nome in una ristretta di 12 nomi.
L'anonimato qui è tutto, anche se trattasi di finto anonimato (nell'ambiente sappiamo + o - chi siamo)... l'importante è che non lo si possa dimostrare quindi meno indizi dai meglio è.

cecco25 ha scritto:A chi ti riferisci ?


T'ha detto di che sezione è.... :ok
missed_approach
Fischietto d'argento
 
Messaggi: 1516
Iscritto il: mar set 18, 2007 10:44 am
Ha detto grazie: 135 volte
E'stato ringraziato : 203 volte

Re: Movimenti presidenti CRA

Messaggioda digitalcam2016 il gio giu 08, 2017 6:38 am

Comunicato Ufficiale N° 382/C5 dell’ 1/06/2017 del CR LAZIO
Comunicazione del Presidente
Cari Amici
La stagione sta volgendo al termine, i campionati sono arrivati tutti alla loro conclusione e credo sia giusto fare, qui con voi, il punto sull’andamento di un anno calcistico che, purtroppo, è stato segnato da alcune situazioni che non posso esimermi dal sottolineare.
Al di là di come si sono conclusi i campionati, il cui andamento è stato più che regolare e in certi momenti anche avvincente per le attenzioni sportive che hanno richiamato, ci sono stati momenti in cui la trance agonistica ha valicato i confini della sana competizione sportiva, della normale tensione e di quel pizzico di nervosismo che possiamo riconoscere in ogni competizione.
Sottolineo questo aspetto con molto rammarico, con la tristezza di dover analizzare comportamenti e reazioni che non sono insite nel nostro movimento, ma che minano l’immagine dello stesso, che è sempre stato in linea con quei principi di correttezza e lealtà sportiva che sono alla base dei valori sportivi.
Purtroppo, i dati che ci sono stati forniti in materia di giustizia sportiva, evidenziano un elemento che considero allarmante, oltre che disarmante. E che colloca il Lazio ai primi posti tra i Comitati Regionali che hanno fatto registrare il maggior numero di sanzioni disciplinari per violenza nei confronti degli arbitri. Sanzioni che possono rientrare nell’applicazione di quanto disposto dal Comunicato n.104 della Federcalcio che, come avete ormai modo di conoscere, comporta, come sanzione, il pagamento, da parte delle società il cui tesserato ha commesso l’infrazione, delle
spese arbitrali della categoria interessata all’episodio che l’ha causata.
Sono state 46 le situazioni che potrebbero incorrere nell’applicazione del Comunicato 104. E queste riguardano soprattutto un campionato, quello della categoria Juniores, sicuramente la più delicata da gestire per tutti voi. Ma non sono mancati episodi anche in altri campionati dilettanti di calcio a 11 e di calcio a 5, anche se in numero minore. E, purtroppo, si sono registrate alcune situazioni sanzionabili anche nei campionati giovanili Giovanissimi e Allievi.
Alla luce di questa situazione, che suscita preoccupazione in tutti noi, mi corre il dovere di ricordarvi quanto sia importante l’impegno e il lavoro che voi dirigenti e tecnici siete chiamati a svolgere all’interno delle vostre società. La categoria Juniores, quella che accompagna i nostri ragazzi al compimento della maggiore età, è quella che comporta le difficoltà maggiori. Sia per le intemperanze giovanili, che si acuiscono al sorgere di una nuova fase della vita dei giovani; e sia per le influenze che gli stessi ragazzi, arrivati alla conclusione del percorso scolastico obbligatorio, subiscono giorno dopo giorno, per non dire ora dopo ora.
Il richiamo che sento il dovere di fare è quello di raddoppiare gli sforzi affinché si riesca a far capire a questi ragazzi quanto sia importante praticare calcio nel rispetto dei valori sportivi, che sono anche i valori della vita. So benissimo che le colpe, di quanto accade sui nostri campi, non stanno tutte da una sola parte, come magari qualcuno vuole far passare. Ma sono però convinto che sia nostro il compito di cambiare le cose, di invertire la tendenza, cercando di usare le strade dell’educazione e della prevenzione, piuttosto che quella della repressione.
So benissimo che non sempre gli arbitri che dirigono le gare sui nostri campi sono all’altezza della situazione, per via di una giovane età che non si sposa con esperienza e pragmatismo, per non dire addirittura con adeguata preparazione. Come so benissimo che da parte vostra c’è una certa insofferenza perché le vostre categorie sono spesso considerate una “nave scuola” per la classe arbitrale. Ma a voi dirigenti e voi tecnici, persone che in moltissimi casi siete padri di famiglia con
un’esperienza calcistica più che decennale, non posso che rivolgere l’appello affinché siate i primi ad alzare la barriera di protezione per fermare questo flusso di violenza che mina tutto il movimento, e non parlo soltanto sul piano dell’immagine.
Voglio infatti ricordare che le conseguenze degli atti di violenza si possono avere anche sul piano penale, e non solo su quel piano economico che può portare a delle crisi irreversibili all’interno della gestione delle vostre società.
Da parte del Comitato Regionale Lazio sono state messe in atto tutta una serie di iniziative che tendono a valorizzare ed esaltare i comportamenti in linea con quelli della lealtà e del rispetto. Iniziative come quelle di “Leali fino in fondo”, che attraverso i buoni comportamenti vuole fornire un sia pur piccolo aiuto economico alle società premiate; oppure, sostenendo le campagne di sensibilizzazione di fenomeni sociali quali il bullismo, la violenza sulle donne e altro. Senza
dimenticare il premio disciplina, che da tantissimi anni e senza mai perdere l’entusiasmo iniziale, assegniamo a quelle società che sul piano comportamentale risultano le migliori ad ogni fine stagione. Un premio che, forse, in alcune società non ha riscontrato quel valore che merita di avere.
A breve, poi, daremo vita a dei corsi di formazione (articolati su poche ore di lezione) riservati ai dirigenti accompagnatori delle squadre, figure che hanno grande importanza nell’organizzazione di una società, anche se troppo spesso questo ruolo viene lasciato all’improvvisazione e alla casualità. Il nostro intento è quello di fornire le adeguate conoscenze affinchè ci sia un corretto rapporto con la terna arbitrale fin dal momento della presentazione delle liste di gara, nel corso della partita e alla fine della stessa, evitando incomprensioni e malintesi che contribuiscono ad alzare la tensione tra le parti. Il nostro obiettivo, sarà quello di fornire, al termine dei corsi, i dirigenti accompagnatori di un attestato che ne qualifichi il ruolo.
In collaborazione con l’AIAC del Lazio, l’Associazione Italiana Allenatori di Calcio, vigileremo poi con particolare attenzione alla presenza in panchina di allenatori abilitati in tutte le categorie in cui è previsto l’obbligo di avere un tecnico tesserato. Un passaggio che vuole contribuire a qualificare sempre di più le presenze a bordo campo, responsabilizzando le diverse parti che animano una partita di calcio.
Nel ringraziarvi ancora per quanto sapete e volete fare per supportare e mandare avanti il nostro movimento, chiudo questa mia breve relazione rinnovandovi l’invito a raddoppiare gli sforzi affinché, tutti insieme, si riesca a invertire la tendenza e si possa consentire al nostro movimento di far emergere il suo lato migliore, fatto di passione, amore ed entusiasmo.
Roma il 1° giugno 2017
IL PRESIDENTE
Melchiorre Zarelli

Il Presidente ZARELLI con il citato comunicato ha evidenziato l'aumento della violenza nei "So benissimo che le colpe, di quanto accade sui nostri campi, non stanno tutte da una sola parte, come magari qualcuno vuole far passare. Ma sono però convinto che sia nostro il compito di cambiare le cose, di invertire la tendenza, cercando di usare le strade dell’educazione e della prevenzione, piuttosto che quella della repressione.", e poi "So benissimo che non sempre gli arbitri che dirigono le gare sui nostri campi sono all’altezza della situazione, per via di una giovane età che non si sposa con esperienza e pragmatismo, per non dire addirittura con adeguata preparazione. Come so benissimo che da parte vostra c’è una certa insofferenza perché le vostre categorie sono spesso considerate una “nave scuola” per la classe arbitrale...."; al riguardo, nella pubblicazione di questa missiva circostanziata mette in risalto le responsabilità della gestione arbitrale laziale, delegittimandola pubblicamente di fronte alle società calcistiche laziali.
Sicuramente si sono verificate situazioni particolari nei campi di gioco, nel triennio della gestione Palanca, però è opportuno e doveroso, per il bene della classe arbitrale laziale, che l'AIA centrale, con le prossime nomine, risolva tale situazione.
digitalcam2016
 
Messaggi: 12
Iscritto il: ven dic 30, 2016 3:49 pm
Ha detto grazie: 1 volta
E'stato ringraziato : 0 volte

Re: Movimenti presidenti CRA

Messaggioda marblearch il gio giu 08, 2017 7:44 am

digitalcam2016 ha scritto:Il Presidente ZARELLI con il citato comunicato ha evidenziato l'aumento della violenza nei "So benissimo che le colpe, di quanto accade sui nostri campi, non stanno tutte da una sola parte, come magari qualcuno vuole far passare. Ma sono però convinto che sia nostro il compito di cambiare le cose, di invertire la tendenza, cercando di usare le strade dell’educazione e della prevenzione, piuttosto che quella della repressione.", e poi "So benissimo che non sempre gli arbitri che dirigono le gare sui nostri campi sono all’altezza della situazione, per via di una giovane età che non si sposa con esperienza e pragmatismo, per non dire addirittura con adeguata preparazione. Come so benissimo che da parte vostra c’è una certa insofferenza perché le vostre categorie sono spesso considerate una “nave scuola” per la classe arbitrale...."; al riguardo, nella pubblicazione di questa missiva circostanziata mette in risalto le responsabilità della gestione arbitrale laziale, delegittimandola pubblicamente di fronte alle società calcistiche laziali.
Sicuramente si sono verificate situazioni particolari nei campi di gioco, nel triennio della gestione Palanca, però è opportuno e doveroso, per il bene della classe arbitrale laziale, che l'AIA centrale, con le prossime nomine, risolva tale situazione.


Non penso proprio.
Situazioni di "recriminazione" valide, in linea generale, per ogni Comitato Regionale. Nei Dilettanti e nel SG vorrebbero la domenica Rizzoli, Rocchi, Banti e compagnia bella. Che si mettessero l'anima in pace. Il percorso arbitrale e la struttura federale prevede arbitri adatti per quel livello calcistico.Parlare del Presidente del CRA del Lazio in modo specifico, pare un' ovvia, quanto banale strumentalizzazione.
Ultima modifica di Doraemon il gio giu 08, 2017 7:45 am, modificato 1 volta in totale.
Motivazione: Ridotto il quote
marblearch
Fischietto d'argento
 
Messaggi: 2423
Iscritto il: ven ott 14, 2011 4:18 pm
Ha detto grazie: 90 volte
E'stato ringraziato : 217 volte

Re: Movimenti presidenti CRA

Messaggioda digitalcam2016 il gio giu 08, 2017 8:42 am

Certo, se il Presidente Zarelli è arrivato al punto di formalizzare il tutto pubblicamente, sicuramente ha dati fondati, considerato che nel passato, con altri Presidenti CRA, un comunicato con dei contenuti critici rilevanti nei confronti degli arbitri laziali non era mai stato reso noto.
Il Presidente Zarelli ha delegittimato, in maniera chiara, la gestione arbitrale laziale e il Presidente del CRA, dopo i vari accadimenti nel triennio di sua gestione (aumento violenza, finali ripetute per errori tecnici ecc.) anziché affermare che va tutto bene (detto dalla commissione, però la situazione è tutto il contrario) è ora che venga sostituito unitamente ad altri componenti del CRA artefici di tali situazioni.
Per concludere, la gestione Ceccarelli/Coppetelli con questa attuale è totalmente superiore sia nella preparazione e gestione tecnica degli arbitri e OA che nei rapporti con il CRLAZIO.
digitalcam2016
 
Messaggi: 12
Iscritto il: ven dic 30, 2016 3:49 pm
Ha detto grazie: 1 volta
E'stato ringraziato : 0 volte

Re: Movimenti presidenti CRA

Messaggioda missed_approach il sab giu 10, 2017 8:24 am

Il Presidente Zarelli è eletto dalle società e da "buon" politico deve dare un colpo al cerchio e uno alla botte per non perdere consenso.
Trovo molto meschino(e preoccupante) affermare "So benissimo che le colpe, di quanto accade sui nostri campi, non stanno tutte da una sola parte, come magari qualcuno vuole far passare".
Zarelli vorrebbe quindi far passare il messaggio che la colpa di un cazzotto in bocca è anche dell'arbitro non all'altezza?
O di noi che formiamo e mandiamo sui campi un ragazzino di 15 anni,a suo dire, non talentuoso o non "all'altezza"?
Mi sembra di sentire quelli che accusano le donne di "meritarsi lo stupro" perchè uscite con la gonna corta. Medioevo :icon-neutral:

Zarelli potrebbe quindi suggerire come risolvere il "problema",visto le esigenze e le aspettative dei suoi assistiti: ce lo spieghi lui come si può fare a rendere un 15 enne sbarbatello,un arbitro autorevole senza un percorso.... nel frattempo gli ricordo che le Società di calcio mettono in campo ragazzini senza arte ne parte al grido di "basta che paghi la retta annuale".

La realtà è che Zarelli si dovrebbe vergognare. Spero vivamente che lo Zio legga (o che gli venga riferito) e valuti di rispondere per le rime.....non può passare un messaggio del genere. Non c'è un concorso di colpa di fronte ad una violenza gratuita,cavernicoli. :grr

P.S
digitalcam2016....strumentalizzare è un arte. Io non so che problemi personali hai col CRA Lazio(e nemmeno me ne frega) però se fai capire che te ne sbatti delle gravi affermazioni di Zarelli e il tuo obiettivo è "è ora che venga sostituito unitamente ad altri componenti del CRA artefici di tali situazioni" non ci fai bella figura...
missed_approach
Fischietto d'argento
 
Messaggi: 1516
Iscritto il: mar set 18, 2007 10:44 am
Ha detto grazie: 135 volte
E'stato ringraziato : 203 volte

Re: Movimenti presidenti CRA

Messaggioda javasup il sab giu 10, 2017 9:41 am

Forse con quella frase sulle colpe che non stanno da una sola parte voleva intendere che la colpa è anche la sua che è il capo del calcio del Lazio.
Lui ed i suoi consiglieri organizzano i campionati, formano i dirigenti ecc. quindi se ci sono dei problemi gravi, come lo è la violenza che non dovrebbe esserci in nessuno sport per nessun motivo perchè giustificazioni alla violenza non esistono, allora sicuramente la colpa è anche e soprattutto di chi è a capo del movimento.
Non trovate?
Avatar utente
javasup
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 3965
Iscritto il: mer set 12, 2007 1:30 am
Ha detto grazie: 50 volte
E'stato ringraziato : 147 volte

Re: Movimenti presidenti CRA

Messaggioda Zantaf il dom giu 11, 2017 6:24 pm

Non credo credo che il discorso di Digital sia così campato in aria.
Come si valutano le gestioni del CRA? Nel tempo quando, cioè, i ragazzi proposti ai livelli nazionali danno frutti. Se vi andate a vedere le statistiche, i periodi sotto Cavanna e Pacifici sono meravigliosi ma non solo per gli Arbitri ma anche per gli Assistenti e, udite udite, per gli Osservatori e il Calcio a 5.
Poi, il nulla cosmico.
Stiamo parlando di circa 80 Arbitri proposti dai successori in oltre un lustro. Se parliamo solo di Arbitri...
Possiamo anche parlare anche di periodi di vacche grasse e vacche magre: senz'altro è anche così. Ma intanto la perdita di qualità del Lazio giova alle altre Regioni che lavorano meglio in qualità e in supporto "post passaggio" dei loro ragazzi.
Zantaf
 
Messaggi: 292
Iscritto il: mar mar 01, 2016 9:48 am
Ha detto grazie: 9 volte
E'stato ringraziato : 23 volte
Sezione di: Roma1
Qualifica: Osservatore
Categoria: Eccellenza

Prossimo


{ SIMILAR_TOPICS }


Torna a Varie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite