FUORIGIOCO e norma del vantaggio

I dubbi sul regolamento e il galateo dell'arbitro sui campi da gioco

FUORIGIOCO e norma del vantaggio

Messaggioda panducale il lun gen 02, 2017 1:22 pm

Vorrei la vostra opinione su quanto in oggetto.
In moltissimi casi ho constatato che l'arbitro, non applicando la norma del vantaggio, fischia volentieri il fuorigioco anche se il pallone finisce chiaramente in possesso della squadra difendente. Ad esempio, la squadra X parte velocemente in contropiede, palla lunga per la punta che scatta in netto fuorigioco segnalato dal guardalinee; la palla però è troppo lunga e giunge tra le mani del portiere avversario: l'arbitro fischia il fuorigioco, non permettendo al portiere dela squadra Y na veloce ripartenza, ma costringendolo a riposizionare la palla sul punto dell'infrazione, quindi perdita di tempo e favorendo la squadra X che così ha tutto il tempo per riposizionarsi.
A questo punto mi pongo il problema: quando l 'arbitro fischia sanzionando un'infrazione al Regolamento, questa infrazione dovrebbe essere una punizione per la squadra che l'ha commessa. Così facendo, sempre secondo l'esempio fatto, la squadra X vedrebbe premiata invece che punita, la sua infrazione. Infatti, la possibilità del portiere di rinviare subito la palla e trovare quindi sbilanciata la squadra avversaria, verrebbe frustrata dal fischio dell'arbitro.
Questo è solo un esempio, ma ce ne sarebbero tanti altri in cui l'applicazione dell'arbitro circa la norma del vantaggio è, a parer mio, poco utilizzata.
Resta il fatto che una "punizione" fischiata in favore di una squadra, deve essere innanzitutto una "punizione" contro la squadra che ha commesso l'infrazione, e non un premio!
Ringrazio per l'attenzione.
panducale
 
Messaggi: 24
Iscritto il: mer lug 31, 2013 8:13 am
Ha detto grazie: 0 volte
E'stato ringraziato : 0 volte
Sezione di: Siena
Qualifica: Assistente
Categoria: Eccellenza

Re: FUORIGIOCO e norma del vantaggio

Messaggioda Dode il lun gen 02, 2017 1:39 pm

Beh si capisco il tuo discorso, pero devi considerare che la decisione di fischiare o non fischiare da parte dell'arbitro (o dell'alzare o meno da parte dell'assistente) è legata strettamente a una sua valutazione. Se per qualunque motivo non hai la percezione del chiaro possesso del difendente o qualunque altra cosa tu magari fischi, ma non lo fai certo ritenendo di avvantaggiare o svantaggiare alcuno.
Certe dinamiche diventano piu chiare col migliorare dell'esperienza e della lucidità, quindi magari nelle categorie regionali è piu facile vedere il gioco fermo in questi casi (o magari per non abbassare sempre un assistente che alza frettolosamente)
# Dode e Torqui ti disprezzano
Avatar utente
Dode
Top Forumista 2012
 
Messaggi: 5152
Iscritto il: mer set 12, 2007 11:40 am
Ha detto grazie: 0 volte
E'stato ringraziato : 229 volte
Qualifica: Arbitro
Categoria: Eccellenza

Re: FUORIGIOCO e norma del vantaggio

Messaggioda psycobeast il lun gen 02, 2017 2:40 pm

Non è corretto parlare di norma del vantaggio in questo caso. Il vantaggio si dà quando una squadra ha la possibilità di aver una importante azione di gioco. Come fai ad avere una importante azione di gioco se il pallone è nella mani del portiere? Detto questo ho capito cosa intendi e concordo.
psycobeast
Fischietto di bronzo
 
Messaggi: 1285
Iscritto il: lun mag 14, 2012 10:06 pm
Ha detto grazie: 11 volte
E'stato ringraziato : 50 volte
Qualifica: Arbitro calcio a 5

Re: FUORIGIOCO e norma del vantaggio

Messaggioda Observer il lun gen 02, 2017 4:49 pm

Vedi, qui il discorso "secondo me" si pone in questi termini. La punibilità del fuorigioco in questo caso, scatta quando il calciatore attaccante che riceve il passaggio partecipa al gioco, ovvero gioca il pallone.

Per questo, fatta salva la discrezionalità del vantaggio per le potenziali azioni in ripartenza offensiva, si fischia il fuorigioco punto e stop.

E se uno lascia giocare, lo fa a proprio rischio e pericolo.
****

Sono solo i superficiali a non giudicare mai dalle apparenze (O. Wilde - Aforismi)
Avatar utente
Observer
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 4868
Iscritto il: lun nov 08, 2010 12:16 pm
Ha detto grazie: 171 volte
E'stato ringraziato : 447 volte
Qualifica: Osservatore

Re: FUORIGIOCO e norma del vantaggio

Messaggioda divisarossa il lun gen 02, 2017 7:54 pm

la situazione proposta succede solo quando l'assistente (o l'arbitro se è da solo) è precipitoso nell'alzare la bandierina.
Tutto qui.

In casi limite, col pallone saldamente in mano al portiere, è doveroso permettere alla squadra di proseguire il gioco.
Ma ovviaemtne dipende dal contesto
divisarossa
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 4451
Iscritto il: mer giu 09, 2010 8:37 pm
Ha detto grazie: 7 volte
E'stato ringraziato : 294 volte

Re: FUORIGIOCO e norma del vantaggio

Messaggioda tony il mar gen 03, 2017 7:44 pm

Si considerino una serie di variabili:
- Il momento in cui si fischia (o alza :band): può essere prima che la palla diventi chiaramente del portiere e spesso avviene per evitare possibili situazioni di conflitto-scontro.
- Capitano partite in cui una difesa si lamenta perché ritiene che l'arbitro non abbia visto alcune situazioni di fuorigioco. Capita che qualche difendente voglia il fuorigioco e allora non ho nessun problema a fischiare anche in questo genere di situazioni. E poi aspetto al varco quello che voleva lasciassi giocare. :icon-mrgreen:
- disposizioni-collaborazione arbitro-assistente
- quanto già detto

psycobeast ha scritto:Non è corretto parlare di norma del vantaggio in questo caso. Il vantaggio si dà quando una squadra ha la possibilità di aver una importante azione di gioco. Come fai ad avere una importante azione di gioco se il pallone è nella mani del portiere? Detto questo ho capito cosa intendi e concordo.
Vero ma non verissimo, basta che la squadra a favore della quale si vorrebbe fischiare abbia un vantaggio se lasci correre.
Ci sedemmo dalla parte del torto, perché tutti gli altri posti erano occupati (B. Brecht)
Avatar utente
tony
Fischietto d'argento
 
Messaggi: 2654
Iscritto il: sab giu 05, 2010 8:34 pm
Località: Veneto
Ha detto grazie: 61 volte
E'stato ringraziato : 117 volte
Qualifica: Arbitro

Re: FUORIGIOCO e norma del vantaggio

Messaggioda psycobeast il mer gen 04, 2017 9:47 am

tony ha scritto:Si considerino una serie di variabili:
- Il momento in cui si fischia (o alza :band): può essere prima che la palla diventi chiaramente del portiere e spesso avviene per evitare possibili situazioni di conflitto-scontro.
- Capitano partite in cui una difesa si lamenta perché ritiene che l'arbitro non abbia visto alcune situazioni di fuorigioco. Capita che qualche difendente voglia il fuorigioco e allora non ho nessun problema a fischiare anche in questo genere di situazioni. E poi aspetto al varco quello che voleva lasciassi giocare. :icon-mrgreen:
- disposizioni-collaborazione arbitro-assistente
- quanto già detto

psycobeast ha scritto:Non è corretto parlare di norma del vantaggio in questo caso. Il vantaggio si dà quando una squadra ha la possibilità di aver una importante azione di gioco. Come fai ad avere una importante azione di gioco se il pallone è nella mani del portiere? Detto questo ho capito cosa intendi e concordo.
Vero ma non verissimo, basta che la squadra a favore della quale si vorrebbe fischiare abbia un vantaggio se lasci correre.

Non so a te ma a me è capitato che gli osservatori contestassero l'utilità dei vantaggi dati a centrocampo figurati quelli dati in difesa con palla tra le mani del portiere. Ci deve essere un vantaggio abbastanza palese se no non ha senso dare il vantaggio. Mi viene da pensare al caso che dai "vantaggio" con la palla che dovrebbe finire tra le mani del portiere e al portiere sfugge la palla e va in rete o sui piedi di un avversario. Quale sarebbe il vantaggio?
psycobeast
Fischietto di bronzo
 
Messaggi: 1285
Iscritto il: lun mag 14, 2012 10:06 pm
Ha detto grazie: 11 volte
E'stato ringraziato : 50 volte
Qualifica: Arbitro calcio a 5

Re: FUORIGIOCO e norma del vantaggio

Messaggioda gadamer il mer gen 04, 2017 11:52 am

E non è un pensiero centrato. Il ddg il vantaggio lo concede quando si concretizza non prima
Giacqui con due signore: Vittoria e Sconfitta. Entrambe fingevano.
La prova più evidente che esistono altre forme di vita intelligenti nell'universo è che nessuna di esse ha mai provato a contattarmi.(Watterson)
Avatar utente
gadamer
Fischietto d'argento
 
Messaggi: 1686
Iscritto il: dom mar 25, 2012 12:33 pm
Ha detto grazie: 40 volte
E'stato ringraziato : 266 volte

Re: FUORIGIOCO e norma del vantaggio

Messaggioda psycobeast il mer gen 04, 2017 12:39 pm

in che senso? in verità dai il vantaggio e se non si concretizza torni indietro
psycobeast
Fischietto di bronzo
 
Messaggi: 1285
Iscritto il: lun mag 14, 2012 10:06 pm
Ha detto grazie: 11 volte
E'stato ringraziato : 50 volte
Qualifica: Arbitro calcio a 5

Re: FUORIGIOCO e norma del vantaggio

Messaggioda gadamer il mer gen 04, 2017 1:54 pm

Era quello che intendevo lo ritenevo implicito per un addetto. Quindi se il portiere perde il pallone, ovviamente nell'immediatezza, il ddg rivede la decisione.
Giacqui con due signore: Vittoria e Sconfitta. Entrambe fingevano.
La prova più evidente che esistono altre forme di vita intelligenti nell'universo è che nessuna di esse ha mai provato a contattarmi.(Watterson)
Avatar utente
gadamer
Fischietto d'argento
 
Messaggi: 1686
Iscritto il: dom mar 25, 2012 12:33 pm
Ha detto grazie: 40 volte
E'stato ringraziato : 266 volte

Prossimo


{ SIMILAR_TOPICS }


Torna a Regolamento del gioco del calcio e disposizioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 2 ospiti