VAR: intervista a Paolo Casarin

Tutto ciò che fa discutere sul mondo arbitrale

VAR: intervista a Paolo Casarin

Messaggioda BlueLord il ven set 30, 2016 8:38 am

TECNOLOGIA COME USARLA: DIBATTITO APERTO
Il via ai test italiani sulla Var è l’occasione per un dibattito aperto: il calcio cambia, quali i rischi da evitare? Dall’ex arbitro Casarin spunti interessanti. La Gazzetta ospiterà altre opinioni.

«La tecnologia è utile e ineludibile, ma c’è il rischio di una deriva pericolosa con arbitri snaturati o persino cancellati, magari sostituiti da tecnici e perché no, giocatori». Paolo Casarin non la tocca piano. Il calcio ha virato con forza verso la strada della moviola in campo (l’ha chiamata così persino Gianni Infantino, presidente Fifa) e domani in Italia parte la sperimentazione off line della Video assistant referees (ogni giornata sotto osservazione due gare di A). Ora la nuova sfida è trovare un punto di equilibrio tra chi vorrebbe gradualmente spostare il centro del potere verso l’uomo davanti al monitor e chi spinge per interventi solo su questioni certe in modo da evitare errori decisivi, ma lasciando al fischietto un ruolo significativo. Insomma, la storia del pallone passa dalle regole cambiate e Casarin lo sa bene: da designatore e dirigente Fifa ha contribuito a un paio di «ritocchi» fondamentali. Dall’introduzione del fuorigioco passivo al divieto per i portieri di usare le mani sui retropassaggi, fino a codificare il recupero in modo preciso per ogni perdita di tempo. Due anni fa si schierò a favore della tecnologia quando Blatter e Platini allontanavano la palla in tribuna. Non ha cambiato idea, ma alcuni passaggi della Var lo lasciano perplesso.

Casarin, cosa non la convince?
«Ho seguito Kuipers in ItaliaFrancia, debutto della Var. Beh, sono sobbalzato dalla poltrona quando ho visto l’arbitro chiedere consiglio al collega davanti al monitor per scegliere il colore del cartellino da dare dopo l’entrata su De Rossi. Così non va».

Perché?
«Un arbitro di quell’esperienza a tre metri dall’azione deve valutare da solo il da farsi. Come ha sempre fatto. Se chiede aiuto, allora è finita. E’ già un ex arbitro».

Ma non è sensato evitargli una decisione sbagliata?
«Chi arriva a dirigere Europei e Mondiali deve avere qualità e non posso pensare che ora improvvisamente debba affidarsi alla Var. Vogliamo snaturare la figura dell’arbitro? Lo cancelliamo? Occhio, finiamo dritti nel burrone. Ci sono cose che le immagini non possono riprodurre: l’arbitro utilizza tutti i sensi. Annusa i giocatori, li sente parlare, vede le loro smorfie, percepisce cose che nei replay si alterano».

E quando le telecamere certificano errori importanti?
«Ecco, su quelli serve la tecnologia. Orsato in Fiorentina-Milan non sapeva se il fallo di Tomovic era dentro o fuori area. Nel dubbio ha scelto di non fischiare. La Var qui fa la differenza: dà certezze su questione impossibili per l’occhio umano. Come accade per la goal line. Ricordate il mani fischiato da Rizzoli in Champions tra Atletico e Barcellona? Una punizione al limite che era rigore. Diversa, molto diversa la questione Zampano in Genoa-Pescara».

Come mai è diversa?
«Perché la regola è stata negli anni snaturata, si è quasi legalizzato il tocco di mano quando a calcio si gioca coi piedi. Per me sono quasi sempre da punire. E invece sono fiorite interpretazioni e tante distinzioni. Ci sono voluti giorni di discussioni per definire involontario il tocco di Granqvist in Juve-Genoa. Carambole, congruità del movimento e via discorrendo sono paletti nei quali l’arbitro spesso inforca. Per una migliore applicazione della Var bisogna ripulire due regole fondamentali: fuorigioco e fallo di mano. Renderle chiare e comprensibili a tutti, dagli arbitri ai giocatori».

L’Ifab sulla Var ne ipotizza un intervento per evitare un gol segnato in fuorigioco.
«Con la regola attuale è molto difficile. Il designatore Fifa ha dichiarato che non sarebbe stato possibile applicarla al gol di Badelj in Fiorentina-Roma. Scherziamo? Quello è fuorigioco, ma se dobbiamo fare i distinguo sul portiere che vede partire il pallone perché è alto, sul naso più lungo dell’attaccante, sull’interferenza sì oppure no, siamo perduti. Semplifichiamo e torniamo a un fuorigioco umano che non dia problemi. Il calcio è creatività non si valuta col centimetro».

Insomma, aiuto tecnologico sì, ma arbitro in campo ancora al centro del villaggio.
«Certo, altrimenti come li formiamo i nuovi direttori di gara? La Var tocca l’élite del calcio, ma tutte le altre gare sono dirette alla vecchia maniera. Servono arbitri capaci di assumersi responsabilità, senza mediazioni pure di natura tecnologica. Forse alla Var andranno gli addizionali, destinati a sparire. L’alternativa è affidarsi alla tecnologia anche sulla rimessa laterale? Chi deciderà se un fallo merita il cartellino? Per caso ex calciatori che tendono ad autoassolversi?».

Cosa c’è che non le piace nel nuovo corso?
«Infantino ha portato via la Fifa dalla palude, ma se metti nei ruoli chiave prima Boban e poi Van Basten, guarda caso olandese, con compiti precisi proprio sulla evoluzione della moviola, allora mi si drizzano le antenne, forse perché conosco bene certe dinamiche. Credo che un processo così vitale per il futuro del calcio abbia bisogno anche del contributo attivo di chi ha passato la sua vita a fischiare. Negli ultimi anni ci sono stati arbitri straordinari. E sulla Var dico: il modello Kuipers ha effetti collaterali pericolosi e non considerati. Spero che la via italiana, con Rosetti, riporti il tutto verso una tecnologia utile al calcio».

Fonte:
Francesco Ceniti per La Gazzetta dello Sport del 30/09/16, pag. 18
Avatar utente
BlueLord
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 19062
Iscritto il: dom dic 21, 2008 11:04 am
Località: Campania
Ha detto grazie: 2533 volte
E'stato ringraziato : 871 volte

Re: Casarin: «Var da recintare Kuipers sbaglia. Sul fuorigio

Messaggioda chimmentos il ven set 30, 2016 9:49 am

Grande come sempre Casarin !!!!
chimmentos
 
Messaggi: 191
Iscritto il: gio apr 21, 2011 8:57 am
Ha detto grazie: 0 volte
E'stato ringraziato : 6 volte
Qualifica: Osservatore
Categoria: Allievi

Re: Casarin: «Var da recintare Kuipers sbaglia. Sul fuorigio

Messaggioda bracco75 il ven set 30, 2016 10:17 am

Per chi ha la mia età, il confronto tra un maestro tecnico come Paolo Casarin e gli OT di oggi non regge minimamente. Gli ultimi grandi arbitri italiani sono nati con lui. Poi il nulla, o giù di lì.
Non è che ho paura di morire. Solo che non voglio esserci quando accadrà. W. Allen
Avatar utente
bracco75
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 4497
Iscritto il: mar feb 02, 2010 12:34 pm
Ha detto grazie: 335 volte
E'stato ringraziato : 464 volte

Re: Casarin: «Var da recintare Kuipers sbaglia. Sul fuorigio

Messaggioda BlueLord il ven set 30, 2016 10:52 am

Belle parole, devo dire, di Casarin. Concordo in pieno, tanto più che quel giallo a De Rossi, frutto della VAR, era comunque sbagliato.
Quindi mi auspico, come si auspica lui, che la VAR in Italia sia circoscritta alle situazioni veramente importanti, e dove l'arbitro per qualche motivo non riesce ad arrivare.
Altrimenti cose come quelle viste in Italia - Francia diventano stucchevoli: l'arbitro in campo non ha più alcun potere ma si fa comandare da dietro le quinte, a mo' di marionetta.
Comunque, vedremo in Italia, credo che Rosetti sappia bene queste cose, le metterà in pratica, le ha anche spiegate.
Casi come quello di Genoa-Pescara possono essere risolti, non certamente comuni falli in mezzo al campo, dove l'autorità arbitrale deve regnare sovrana.
Avatar utente
BlueLord
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 19062
Iscritto il: dom dic 21, 2008 11:04 am
Località: Campania
Ha detto grazie: 2533 volte
E'stato ringraziato : 871 volte

Re: Casarin: «Var da recintare Kuipers sbaglia. Sul fuorigio

Messaggioda pecosbill il ven set 30, 2016 11:19 am

Al solito (quando scrive o è intervistato, meno quando è in diretta tv), eccellente disamina dell'ultimo "maestro": Casarin. La VAR sarà utile e ben sfruttata se, come giustamente dice, si "semplificheranno" le regole e le norme di applicazione delle stesse. Altrimenti finiremo in pasto ai mass media ed irrimediabilmente saremo definitivamente "bamboline telecomandate" (parole di Casarin a commento di una direzione di gara nel Mondiale 2014, con chiaro riferimento alle "imposizioni" dettate da Collina e Busacca). Splendido quando afferma che l'arbitro "utilizza tutti i sensi ...annusa i giocatori". Non spegniamo i sensi, non limitiamo l'"intelligenza arbitrale", valutiamola (cosa che non facciamo neppure noi, troppo spesso su arbitri.com).
pecosbill
Fischietto di bronzo
 
Messaggi: 678
Iscritto il: sab mar 24, 2012 3:22 pm
Ha detto grazie: 98 volte
E'stato ringraziato : 118 volte

Re: Casarin: «Var da recintare Kuipers sbaglia. Sul fuorigio

Messaggioda gadamer il ven set 30, 2016 11:50 am

Diciamo che quello che ha detto Casarin è personalmente sottoscrivibile al 90% ma non è il caso di analizzare punto a punto è irrilevante. Ciò su cui mi concentrerei è la figura "mostruosa" che si va profilando, quella di un arbitro dell'arbitro, quello che davanti al monitor decide quando intervenire. No così non va bene è una dualità inopportuna. La tecnologia per applicazione coerente deve rispondere a un criterio di oggettività e un solo soggetto decide, non un primo che seleziona e
un altro che, nella maggioranza dei casi finge di decidere e diventa un notaio. Ritengo che il procedimento del contest sia decisamente più appropriato, da studiarne le modalità ma tecnicamente fattibile senza difficoltà.
Giacqui con due signore: Vittoria e Sconfitta. Entrambe fingevano.
La prova più evidente che esistono altre forme di vita intelligenti nell'universo è che nessuna di esse ha mai provato a contattarmi.(Watterson)
Avatar utente
gadamer
Fischietto d'argento
 
Messaggi: 1589
Iscritto il: dom mar 25, 2012 12:33 pm
Ha detto grazie: 31 volte
E'stato ringraziato : 246 volte

Re: VAR: intervista a Paolo Casarin

Messaggioda varruzza il sab ott 01, 2016 8:40 am

Ma perché un tecnico arbitrale di eccellente livello come casarin non appartiene alla nostra associazione? Cosa è successo negli anni passati?
varruzza
 
Messaggi: 460
Iscritto il: mer dic 05, 2012 9:37 am
Ha detto grazie: 3 volte
E'stato ringraziato : 17 volte
Sezione di: Agrigento
Qualifica: Osservatore

Re: VAR: intervista a Paolo Casarin

Messaggioda emiro1965 il sab ott 01, 2016 9:56 am

Pochi capelli grigi, molta sapienza. Esperienza. Molto illuminato il venesian de milan.
Avatar utente
emiro1965
Fischietto d'argento
 
Messaggi: 1529
Iscritto il: ven giu 13, 2008 8:57 pm
Ha detto grazie: 191 volte
E'stato ringraziato : 75 volte
Qualifica: Osservatore
Categoria: Scambi

Re: VAR: intervista a Paolo Casarin

Messaggioda bracco75 il sab ott 01, 2016 10:35 am

varruzza ha scritto:Ma perché un tecnico arbitrale di eccellente livello come casarin non appartiene alla nostra associazione? Cosa è successo negli anni passati?


A volte la schiena dritta si spezza sotto i colpi del "potere".
Non è che ho paura di morire. Solo che non voglio esserci quando accadrà. W. Allen
Avatar utente
bracco75
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 4497
Iscritto il: mar feb 02, 2010 12:34 pm
Ha detto grazie: 335 volte
E'stato ringraziato : 464 volte

Re: VAR: intervista a Paolo Casarin

Messaggioda divisarossa il sab ott 01, 2016 12:56 pm

bracco75 ha scritto:
varruzza ha scritto:Ma perché un tecnico arbitrale di eccellente livello come casarin non appartiene alla nostra associazione? Cosa è successo negli anni passati?


A volte la schiena dritta si spezza sotto i colpi del "potere".

non è proprio cosi....



Nel 2000 si dimise dall'Associazione Italiana Arbitri perché indignato a seguito della condanna inflitta dalla giustizia dell'AIA stessa (radiazione in primo grado, sospensione di quattro mesi in secondo grado), relativa all'ennesima collaborazione non autorizzata con l'organo di stampa Rigore.


Nel 2003, dopo aver lasciato l'Associazione Italiana Arbitri, assunse il ruolo di dirigente presso la società calcistica del Parma. Finita questa esperienza, cominciò a collaborare con RAI, Tuttosport, Sky (2003-2005), LA7 (2006) e Corriere della Sera. Dal 2006 al 2010 è stato ospite fisso del programma televisivo Controcampo di Rete 4, mentre dal settembre del 2015 è opinionista della trasmissione di Rai 2 Quelli che il calcio.


Durante la carriera arbitrale fu più volte redarguito dall'Associazione Italiana Arbitri per motivi disciplinari: per aver concesso nel 1981 e nel 1983 interviste non autorizzate agli organi di stampa fu sospeso per alcuni mesi, mentre a seguito di un analogo episodio del 1987 fu soltanto "ammonito"


http://ricerca.repubblica.it/repubblica ... sarin.html

http://ricerca.repubblica.it/repubblica ... sarin.html
divisarossa
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 4451
Iscritto il: mer giu 09, 2010 8:37 pm
Ha detto grazie: 7 volte
E'stato ringraziato : 294 volte

Prossimo


{ SIMILAR_TOPICS }


Torna a Notizie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite