Donne arbitri, tra insulti e prime volte

Tutto ciò che fa discutere sul mondo arbitrale

Donne arbitri, tra insulti e prime volte

Messaggioda admin il gio set 28, 2017 4:37 pm

Le storie, i nomi e i volti sono diversi eppure, tutte, continuano a fare notizia. Sia che si tratti di una donna che arbitra un incontro di tennis tra uomini sia che abbia il fischietto in mano in una partita di calcio della massima serie del campionato tedesco maschile.
Il comune denominatore è lo stesso: una donna che arbitra una competizione agonistica maschile fa notizia, un uomo che arbitra un incontro tra donne passa sotto silenzio semplicemente perché è normale e nella logica delle manifestazioni sportive.

Due nomi sono tornati all’attenzione delle cronache nelle ultime settimane. Il primo è quello di Eva Asderaki-Moore, 35enne greca, uno dei migliori arbitri di tennis al mondo. Dal 2008 è “Gold Badge”, ossia possiede la più alta licenza per arbitrare, sul seggiolone, qualsiasi tipo di match. È stata lei la prima donna ad arbitrare la finale maschile degli US Open, nel 2015, e i finalisti erano il serbo Novak Djokovic e lo svizzero Roger Federer, non proprio due qualunque. In quella stessa edizione del torneo di Flushing Meadows, un’altra donna, la croata Marija Cicak, aveva arbitrato la finale femminile. Asderaki-Cicak, una doppietta storica nella storia dello sport della racchetta. Il curriculum, però, non ha risparmiato alla Asderaki gli insulti del tennista italiano Fabio Fognini che, nell’ultima edizione dello Slam americano, l’ha apostrofata con parole pesanti, sessiste. La squalifica dal torneo, la restituzione dei punti e del montepremi vinti nell’occasione e una multa di 24.000 dollari è quanto sono costati, per ora, all’azzurro quelle parole.

Georgina Lawrence-Clark
Tornando ai record, la prima donna ad arbitrare una finale del Grande Slam era stata Georgina Lawrence-Clark, originaria di Hong Kong, a Wimbledon nel 1984, match clou tra Martina Navratilova e Chris Evert, mentre la prima donna in assoluto a essere giudice di sedia in una finale maschile è stata la francese Sandra de Jenken (Australian Open e Roland Garros 2007).

Bibiana Steinhaus
Da una prima volta a un’altra. Il secondo nome “da record” è quello di Bibiana Steinhaus, la prima donna ad arbitrare una partita di calcio della Bundesliga tedesca. È accaduto in occasione dell’incontro tra l’Hertha Berlino e il Werder Brema, in un palcoscenico prestigioso come quello dell’Olympiastadion, lo stesso impianto sportivo che nel 1936 ha visto l’americano Jesse Owens conquistare quattro ori olimpici sotto gli occhi di Hitler. Prima e dopo la partita, alcuni media non hanno potuto fare a meno di notare che, per arrivare fin lì, la 38enne di Hannover, che di professione fa la poliziotta, aveva seguito i consigli del fidanzato, l’ex arbitro internazionale Howard Webb. Prima di quell’incontro, la tedesca aveva arbitrato la finale olimpica femminile a Londra 2012 e la finale femminile di Chanpions League a Cardiff nella scorsa stagione.
Piccolo, ma non insignificante, dettaglio di cronaca sportiva: in tutte queste prima volte, l’arbitraggio femminile è sempre stato definito, all’unanimità, “impeccabile”.

Tiziana Pikler
fonte: il sole24ore
Avatar utente
admin
Amministratore
 
Messaggi: 1894
Iscritto il: dom set 16, 2007 7:23 pm
Ha detto grazie: 227 volte
E'stato ringraziato : 252 volte

Re: Donne arbitri, tra insulti e prime volte

Messaggioda bracco75 il gio set 28, 2017 5:01 pm

L'articolo contiene una clamorosa inesattezza: l'oggetto dei squallidi insulti sessisti di Fognini non è stata la Asderaki, bensì Louise Engzell, giudice di sedia gold badge ITF, svedese, già più volte al centro di clamorose vicende arbitrali tennistiche con giocatori italiani in campo: tra tutte, la finale di Parigi tra la campionessa uscente Schiavone e Li Na, con una palla chiamata fuori/dentro in danno dell'italiana, e la finale di Fed Cup disputata dalle azzurre a Orleans contro la Francia, dove, in assenza di hawk-eye, non ebbe il coraggio di fare overrule su un passante della Pennetta contro la Mauresmo (che andò a match point) che aveva sfiorato la riga. Da sottolineare che la Pennetta, attuale coniuge di Fognini, la riempì di insulti in mondovisione, facendo con la mano il gesto: ti sei cagxxxa sotto eh? ma cavandosela con un semplice warning.
Non è che ho paura di morire. Solo che non voglio esserci quando accadrà. W. Allen
Avatar utente
bracco75
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 3953
Iscritto il: mar feb 02, 2010 12:34 pm
Ha detto grazie: 297 volte
E'stato ringraziato : 381 volte

Re: Donne arbitri, tra insulti e prime volte

Messaggioda FDalo il gio set 28, 2017 6:16 pm

bracco75 ha scritto:L'articolo contiene una clamorosa inesattezza: l'oggetto dei squallidi insulti sessisti di Fognini non è stata la Asderaki, bensì Louise Engzell, giudice di sedia gold badge ITF, svedese, già più volte al centro di clamorose vicende arbitrali tennistiche con giocatori italiani in campo: tra tutte, la finale di Parigi tra la campionessa uscente Schiavone e Li Na, con una palla chiamata fuori/dentro in danno dell'italiana, e la finale di Fed Cup disputata dalle azzurre a Orleans contro la Francia, dove, in assenza di hawk-eye, non ebbe il coraggio di fare overrule su un passante della Pennetta contro la Mauresmo (che andò a match point) che aveva sfiorato la riga. Da sottolineare che la Pennetta, attuale coniuge di Fognini, la riempì di insulti in mondovisione, facendo con la mano il gesto: ti sei cagxxxa sotto eh? ma cavandosela con un semplice warning.


Vero, errore davvero brutto, sembra che sia stato detto "tanto perché sto parlando di questo argomento..."
FDalo
Fischietto d'argento
 
Messaggi: 1697
Iscritto il: mer giu 15, 2016 7:30 am
Ha detto grazie: 22 volte
E'stato ringraziato : 81 volte
Qualifica: Arbitro



{ SIMILAR_TOPICS }


Torna a Notizie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti