Rinvio a giudizio per Rosario D'Anna

Tutto ciò che fa discutere sul mondo arbitrale

Re: Rinvio a giudizio per Rosario D'Anna

Messaggioda lunapop il gio giu 21, 2018 11:17 am

marblearch ha scritto:Lunapop sei un pò alterato , facendo una tale pastasciutta di azioni ed argomenti ed attribuendomi pensieri che sinceramente non ho mai espresso. Sei anziano e ti rispetto. Immagino tu abbia dato molto a questa Associazione e ti rispetto. Sei sincero e generoso e ti rispetto. E lo dico con sincerità. Mi spiace tu non riesca a seguire la logica del mio ragionamento. Me ne rammarico. Una cosa mi spiace tu abbia scritto, perchè non solo non l'ho mai scritta, ma francamente mai nemmeno pensata :
"...a differenza di chi, come te, nei tuoi commenti ha sempre sprezzatamente unito tutti coloro che hanno amministrato l'AIA in precedenza."
Ecco, vorrei che questo fosse chiaro. Io non distinguo in gruppi etnici le persone, come pare fai ora tu (lascio perdere gli altri accoliti della congrega degli "etici" perchè per me , visti i modi con cui si esprimono, non esistono) . Se qualcuno lo ha fatto ha sbagliato. E' una solenne cretinata. Io no, perchè ho conosciuto tante brave persone nell' AIA di una volta ma anche in quella di oggi. Mi pare che per te, forse, o per i tuoi fratelli etici questo non sia vero. Governance indegna, Giustizia domestica corrotta ed asservita, lacchè in qualsiasi posto dirigenziale alto , medio, minore, presidenti di sezione acerebrati ed asserviti. Beh, io no. Non la penso così. Se D' anna è colpevole, per me si è macchiato di una colpa gravissima. Se D' Anna ha ingannato persone che a lui credevano e gli hanno dato fiducia, si è macchiato di una colpa ancor più grave. Perchè spesso capita, anche in famiglia, o tra gli amici, o sul lavoro, che tu ti fidi di una persona ma quella persona poi fa cose di cui evidentemente capisci che la tua fiducia era mal riposta. Da ultimo, Lunapop, io non ho mai sprezzatamente trattato chi ha governato l'AIA "in precedenza", ma a volte ti ho risposto contestando la tua immagine di "famiglia felice" che volevi dare. Sono anziano pure io e ti assicuro che ho visto tanti soprusi e porcherie, tanta altezzosità, tante miserie umana anche nella vecchia e cara AIA che tu vagheggi. Ma è normale, l'AIA non è nulla di diverso dalla Società e solo un microcosmo che ripete comportamenti ed atteggiamenti comuni delle Comunità umane.
Questo almeno che sia chiaro. Per il resto ripeto, sfogatevi pure.


Ecco, caro Marblearch questo è il tono degli interventi che apprezzo, quello del tuo precedente no, perdonami e mi ha fatto alterare.
Lo sai, lo hai capito dai miei interventi in generale: sono e sarò sempre, fino alla fine dei miei giorni, "un'amante" dell'Associazione.
Me ne hanno fatto innamorare, quasi 50 anni fa, quei Grandi Dirigenti che ho avuto il piacere e l'onore di conoscere nel tempo e mi hanno fatto apprezzare l'essenza della vita Associativa.
Non pensare assolutamente che io non abbia saputo ed incontrato, nei tanti, forse troppi, anno di tessera, Associati più o meno corretti, più o meno leali, più o meno intellettualmente onesti .
Non sono uno di quelli che, come ho ripetuto in tanti miei interventi, ritengono che "il bene è tutto a destra, il male tutto a sinistra".........evvia, sono anziano, come giustamente tu dici, ma non rincoglionito, né partigiano di parte.
Ed è proprio per quello che mi accaloro, quando sento alcuni che pretendono che l'AIA "vera, onesta, etica, ineccepibile, dai comportamenti cristallini" sia solo quella odierna, mentre prima erano tutti mascalzoni.
Figuriamoci poi, se penso che, tutti quelli che oggi sono nei "centri operativi" dell'Associazione sono coloro che in quegli "anni bui" della nostra Associazione ci sono stati bellamente, magari cresciuti e pasciuti, anche arrivando a vertici arbitrali.........senza bai battere ciglio, né strappandosi le vesti per l'immoralità dilagante.
Questo modo di pensare e di voler far credere, magari a chi non ha vissuto l'Associazione ante 2009, mi dispiace, mi manda il sangue al cervello!
Non ci posso fare nulla.
Personalmente conosco e sono fieramente Amico di Colleghi che vivono l'attuale governance e me ne vanto, conoscendo personalmente la specchiata dirittura morale e c'è uno dei Dirigenti massimi che stimo moltissimo e, magari, auspicherei che presto fosse a capo dell'AIA, perché ritengo che non ci debba essere una stagnazione perpetua degli incarichi.
Il Mondo corre, a volte troppo, ma corre e logora.
Rimanere troppo in sella a governare non fa bene né a chi governa né a chi è governato.
Personalmente apprezzo la norma del massimo 3 mandati in ambito sportivo: anzi, dovessi decidere io, 2 sarebbero l'ottimale.
La questione D'anna, per quanto uno voglia trovare giustificazioni non la posso accettare così sbrigativamente: se sarà condannato l'AIA lo radierà.
C'è una indagine della Polizia Postale che ha certificato che le mail le ha inviate lui (ricordiamoci che prima negava, poi, addirittura, era passato al contrattacco, dicendo di voler presentare lui stesso una denuncia alla medesima Polizia Postale, per trovare chi aveva violato il suo personale accesso); c'è una denuncia bella e buona in tal senso e ci sarà un'udienza in Tribunale.
Allora, prima domanda: perché la Procura Federale in maniera estremante sbrigativa (me lo permetterai...) provvide all'assoluzione in pendenza di una indagine della Polizia?
Quegli Associati che hanno avuto ritorsioni disciplinari fino al ritiro della tessera, a seguito della denuncia degli accadimenti (dimostratisi oggi veritieri) allo stato attuale dovrebbero essere immediatamente riabilitati ed il Presidente Nicchi dovrebbe chiedere loro scusa per il danno morale e materiale subito.
L'AIA dovrebbe immediatamente aprire una nuova indagine, vera, alla luce del giorno, per giudicare se le elezioni nella Sezione Siciliana sono state artate e se il Presidente e gli altri Colleghi ai quali il D'Anna faceva riferimento quali sodali, abbiano contribuito a tale artazione ed in tal caso, Commissariata la Sezione e sospesi immediatamente dagli incarichi (alcuni in ambito Nazionale) gli stessi.
Su questo, se vuoi dare dimostrazione di vera Etica, Onestà e pulizia, mi darai atto che non si dovrebbe discutere.
Se D'Anna è artefice, altri sono complici: da dimostrare, certo; ma come è stata così sollecita la Procura e la Disciplinare nei provvedimenti disciplinari di allora contro chi giustamente denunciava e si è visto pure punito, dovrebbe essere altrettanto sollecita nell'intervenire e sospendere, almeno cautelativamente.
Se si vuole passare dalle parole (Etica, morale, Democrazia) ai fatti, ebbene, questo è ciò che mi aspetto per essere credibile.
Non processi sommari: giammai! Ma interventi cautelativi in attesa di indagini certe, veloci e trasparenti, alla luce di quanto emerso, si!
Se c'è chi ha pagato ingiustamente per presunzione di innocenza, beh, oggi stia un po' a bagnomaria che è nello stato di presunzione di colpevolezza, non credi?
O si usano i due pesi e due misure? Allora ci sono amici e nemici....e si torna da capo.
Il Codice ETICO in vigore da degli spunti di riflessione importanti:
- Nell’esercizio delle attività di rispettiva competenza ogni Associato deve dimostrare sempre trasparenza, onestà, lealtà, correttezza, equità, imparzialità, segretezza, riservatezza, probità, terzietà, rispetto delle regole, indipendenza, decoro, rigore, autonomia, autorevolezza, integrità morale, mirando al raggiungimento del c.d. “principio di qualità”
-Chiunque abbia la responsabilità di applicare regole di carattere associativo e tecnico deve attenersi a criteri di equità e giustizia.
Gli incarichi vanno svolti con diligenza e accuratezza che devono essere considerati come gli strumenti più idonei per il predetto obiettivo di qualità.
-- Il comportamento dell’Associato deve essere espressione di legalità ed apparire come tale, deve riscuotere la fiducia e l’affidamento attraverso comportamenti improntati alla dignità della funzione, alla correttezza ed alla lealtà.
I comportamenti oltre a riferirsi al senso di giustizia, devono essere ispirati alla “virtù del ben operare”.
- Gli Associati devono mantenere tra loro rapporti verbali ed epistolari secondo i principi di colleganza e di rispetto dei ruoli istituzionali ricoperti
- Non devono essere mai usate espressioni, offensive e ingiuriose, nei confronti degli altri
- Chiunque ponga in essere comportamenti lesivi della dignità e dell’integrità psicofisica, tramite forme di violenza fisica o psicologica, rispetto a qualunque soggetto, è passibile di sanzioni irrogate dall’Associazione stessa.

Ebbene, già alla luce di questi principi che proprio "questa "AIA ha fatto propri, non pensi che già due anni fa il D'Anna sarebbe dovuto essere "accantonato" e non "premiato"?
Tu stesso hai sottolineato che gli fu consigliato di ritirare la sua candidatura a Componente il Comitato Nazionale: la mia domanda a questo punto è "perché"???
Se era assolutamente immune da quanto addebitatogli, perché si è dovuto ritirare?
C'erano dubbi, anche minimi? Bene, se si è usata la scure nei confronti di alcuni, perché per l'altro è stato immediatamente messo da parte anche il solo sospetto e non lo si è, non dico sospeso o toltagli la tessera, ma, almeno, messo in condizioni di ripensare e non portato, come spesso è avvenuto in questo periodo, ad esempio, premiandolo e citandolo in vari momenti Associativi?
Vedi che questi sono i comportamenti che non accetterò mai, se si vuole dare dimostrazione che ciò che si predica, poi si mette in atto.
Se ciò che viene addossato ad altri - nei comportamenti sbagliati - poi si ripercorre.........
Discutiamone, serenamente, ma temo che in questa vicenda l'Associazione non ne esca in maniera così limpida come si tenta di far passare.
Parliamo dell'oggi, lasciamo stare il passato: se si vuole essere rispettati, bisogna prima di tutto rispettare.
Chi c'era prima di noi ha lavorato, bene o male: ma per dare giudizi di altà moralità, bisogna poi dimostrarla noi stessi e per primi quella altà moralità.
E qui, perdonami, mi taccio...............perché sennò poi mi viene dato del bilioso, del rancoroso etc. etc.
Buona giornata.
Costituzione italiana (1947)
Art. 21. - Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione
.
Avatar utente
lunapop
Fischietto di bronzo
 
Messaggi: 1240
Iscritto il: gio feb 04, 2010 10:20 am
Ha detto grazie: 33 volte
E'stato ringraziato : 60 volte
Qualifica: Osservatore
Categoria: Giovanissimi

Re: Rinvio a giudizio per Rosario D'Anna

Messaggioda marblearch il gio giu 21, 2018 12:02 pm

Ribadisco. Comportamenti atti ad alterare qualsiasi competizione democratica sono criminogeni. Comportamenti atti a gettare discredito in modo nascosto ed anonimo su altre persone, sono inaccettabili. Ma non perchè lo dice il codice Etico, ma perchè non dovrebbero far parte del patto di civiltà e morale che le persone si danno, dovunque esse agiscano. L'AIA caro Luna pop è grande ed è lunga come l' Italia . E qui mi taccio. Non tutti anche al vertice la pensano allo stesso modo. E non tutti sono ciechi. D' Anna era candidato, si è strenuamente difeso, voleva resistere. Alla fine si è fatto da parte per un altro personaggio che, personalmente, ritengo un' ottima persona. E' chiaro che ciò che emergeva in quella realtà, ha prudenzialmente consigliato quella mossa al fine di evitare eventuali successive crisi istituzionali. E mi pare che , alla luce dello stato attuale, la scelta si sia rivelata azzeccata.
Riabilitare i denuncianti. Sinceramente non conosco nei dettagli tutte le posizioni e rimarrei prudente sull'assoluzione urbi et orbi. Ritengo in ogni caso che i comportamenti siano individuali e la responsabilità è di chi li compie. Qui si prospetta (si prospetta, ripeto) un reato individuale e non una associazione a delinquere. E quindi ogni provvedimento federale o associativo deve essere indirizzato a colui che sarà provato colpevole da un Tribunale italiano. Non da me, non da te, non da alcuno.
Concordo : due mandati e fine.
Solo le monarchie (ed i papi...anzi..nemmeno più quelli) governano all'infinito (ma infatti sono di bellezza e hanno ben pochi poteri). I governi è bene che si rinsanguinino con forze fresche e nuove (....non cavalli bolsi di risulta, però...che hanno fatto di tutto e di più e che solo perchè trombati...si riscoprono rivoluzionari dell'ultima ora).
Mi fa piacere che abbiamo ristabilito un equilibrio rispettoso. Mi spiaceva perdere la possibilità di un sano confronto con TE.
Buona giornata.
marblearch
Fischietto d'argento
 
Messaggi: 2411
Iscritto il: ven ott 14, 2011 4:18 pm
Ha detto grazie: 90 volte
E'stato ringraziato : 217 volte

Re: Rinvio a giudizio per Rosario D'Anna

Messaggioda Zantaf il gio giu 21, 2018 3:03 pm

A marblearch, bello, i discorsi stanno a zero. Tu ci andresti a cena con D'Anna? Gli affideresti le chiavi di casa? Oppure il controllo di figli/nipoti? Se ti rispondi "si", allora di che cosa stamo a parla'. Tu resti della tua idea e chi è avverso, invece, no. Se ti rispondi "no", allora tutti i discorsi che fai sono ammantati di una evidenze opacità, da "più realista del re".
Io sulla vicenda sono tranquillo. C'è la Procura della Repubblica e un Tribunale della Repubblica Italiana, risultati di indagini della Polizia Postale (una delle migliori d'Europa, per inciso) e dunque i diritti dell'indagato-rinviato a giudizio sono al sicuro.
Resta strano, però, che la Giustizia domestica dell'AIA aveva archiviato tutto per poi riaprire il tutto quando è arrivato il rinvio a giudizio. Un po' come in avviene in certe regioni, dove prima l'ispezione non trova nulla e dopo la sospensione del Cra-Presidente di Sezione torna e trova di tutto.
A pensar male si fa peccato, però...
Quindi, non ti preoccupare ma occhio: nel mondo reale tutti sono innocenti fino a prova contraria. Nel mondo dello sport, invece, è il contrario...
Zantaf
 
Messaggi: 277
Iscritto il: mar mar 01, 2016 9:48 am
Ha detto grazie: 9 volte
E'stato ringraziato : 20 volte
Sezione di: Roma1
Qualifica: Osservatore
Categoria: Eccellenza

Re: Rinvio a giudizio per Rosario D'Anna

Messaggioda napisan il gio giu 21, 2018 3:35 pm

La vicenda D'Anna è tristissima, se appurata la sua responsabilità, sarebbe una pagina delle peggiori dell'AIA, forse la peggiore in assoluto relativa a rapporti interni AIA.
Credo che il consiglio (...) di farsi da parte alle elezioni sia stato quantomai opportuno: data la presunzione di innocenza per tutti, si stava prefigurando uno scenario complicato.
Quello che non era per nulla opportuno era la difesa dal palco di Nicchi, parlando di D'Anna come galantuomo e che il tempo gli avrebbe dato ragione. Peraltro neanche parlando di Bill Gates, ma di uno che oltretutto non riesce a profferire una frase comprensibile...
Con ciò, è inevitabile che una spessa fetta di responsabilità politica ed etica il Sommo ce l'abbia. La responsabilità è personale non v'è dubbio alcuno, ma è chiaro che come sei un bravo leader se ti affianchi di validi elementi (e ce ne sono oggi, come ieri, nel gruppo dirigente), lo sei molto meno se nel gruppo inserisci gente di questo spessore, o di altro spessore e telefono sempre molto caldo...

Le indagini federali, spiace disilludere, ma sono spesso poco proficue. O almeno quando ci sono questioni tanto complesse. E non mi meraviglia la prima assoluzione. Sono andati da D'Anna e dagli altri i quali avranno smentito. E non hanno il potere di fare come la polizia postale...

Si poteva (leggasi: doveva) essere molto più accorti in tema di giustizia AIA: con la puzza di bruciato che si sentiva fin dal Brennero, chiudere in poche settimane cacciando gli anti-D'Anna è stata una figuretta miserrima.

Per concludere sono assolutamente poi convinto che se dovesse arrivare una condanna, l'AIA provvederà a depennare questo "galantuomo" ed anche a riabilitare gli ingiustamente cacciati...

Certo, si poteva, anzi si doveva fare molto di meglio.
napisan
Fischietto di bronzo
 
Messaggi: 535
Iscritto il: mar feb 10, 2015 4:56 pm
Ha detto grazie: 90 volte
E'stato ringraziato : 77 volte
Sezione di: Merano
Qualifica: Arbitro
Categoria: Giovanissimi

Re: Rinvio a giudizio per Rosario D'Anna

Messaggioda mrgim il ven giu 22, 2018 8:57 am

Io voglio sentire observer :D
mrgim
Fischietto di bronzo
 
Messaggi: 595
Iscritto il: ven ago 27, 2010 12:18 pm
Ha detto grazie: 4 volte
E'stato ringraziato : 7 volte
Sezione di: Roma1
Qualifica: Arbitro
Categoria: Juniores

Re: Rinvio a giudizio per Rosario D'Anna

Messaggioda lunapop il ven giu 22, 2018 9:36 am

Comunque Colleghi - e lo dico con grande serenità - risentire oggi l'intervento di Nicchi in Assemblea (facilmente reperibile su Youtube - siamo circa al minuto 10/12), quando accoratamente ha ringraziato D'Anna, definendolo "persona sicuramente corretta" e riprendendo "piccato" chi in aula sorrideva a questa sua affermazione, aggiungendo: "non sorridete sulla questione di Acireale, lasciate stare la Sicilia ed Acireale, non c'è nessun caso ad Acireale.... State tranquilli gli anonimi e gli hacker.........c'è la Procura della Repubblica e la Polizia Postale che indagano e ne vedremo delle belle!", ringraziando ancora il D'Anna!
Infatti si stanno vedendo proprio delle belle: forse, con un gran gesto di Onestà intellettuale, oggi Nicchi dovrebbe chiedere scusa a coloro che aveva ripreso e zittito con il suo solito fare, e dire si che non c'era da sorridere su Acireale e D'Anna, perché alla luce di quanto quella Polizia Postale da lui tanto invocata, le mail anonime proprio da quella persona partivano, ad offendere, minacciare, tentare di violentare la Democrazia (e magari c'è anche riuscito: questa sarà un'altra cosa da appurare, perché se le elezioni nella Sezione Acese fossero davvero state manipolate, il Presidente dovrebbe Commissariare la stessa e sospendere tutto il vertice, no?). E quella stessa Procura della Repubblica ha deciso il rinvio a giudizio del D'Anna...
Io credo che se Nicchi intervenisse pubblicamente su questo argomento, visto che partecipa a trasmissioni radiofoniche e televisive e rilascia interviste quasi quotidianamente a difesa della reputazione dell'AIA, minacciata da FIGC e CONI, ormai diffusamente riportato da Giornali, TV e social, farebbe un gran bene alla Associazione ed a tutti i suoi appartenenti, proprio in questa occasione in cui quella stessa reputazione è così offesa proprio dal suo interno e, per di più, non da un associato qualsiasi colto a rubacchiare un uovo in un pollaio, ma da un personaggio che, all'epoca dei fatti era nel Comitato Nazionale, quale massimo rappresentante non solo dei Colleghi Siciliani, ma di tutti i 35.000 Associati per bene che l'AIA deve è può vantare e difendere e che ha macchiato anche l'onorabilità degli stessi con il suo comportamento.
Riflettevo sul fatto che sempre più spesso, da Giornali, TV, tesserati o meno, vengono portati attacchi anche volgari e pesanti relativamente a "presunti comportamenti censurabili e poco morali" nei confronti degli Arbitri (tristissimo quello che sta accadendo contro l'ottimo Collega Romano La Penna, senza che una sola voce sia ancora stata alzata a sua difesa dal Presidente Nicchi...): bene, che reazione possono avere queste stesse "misere" persone, quando dal nostro interno vengono a galla episodi di tale "violenza" morale? E se il nostro Presidente prende addirittura le difese di chi le commette e deride chi chiede luce sui fatti? Vorrei sentire forte la voce dello stesso Presidente difendere ora il Collega La Penna....ne avrei maggiore stima.
Scusatemi l'inciso ed il tornare sulla vicenda, ma il ripensarci mi fa sempre più male e mi offende quale Associato ed Uomo........
Caro Marblearch, mi rivolgo anche a te: come vedi sono sereno, non urlo, non tiro in ballo il passato e non parlo di complotti; però rifletto e sono certo lo farai anche tu, per la tua onestà intellettuale.
Questa vicenda "offende tutti noi 35.000": una voce dall'alto non può mancare.........
Costituzione italiana (1947)
Art. 21. - Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione
.
Avatar utente
lunapop
Fischietto di bronzo
 
Messaggi: 1240
Iscritto il: gio feb 04, 2010 10:20 am
Ha detto grazie: 33 volte
E'stato ringraziato : 60 volte
Qualifica: Osservatore
Categoria: Giovanissimi

Re: Rinvio a giudizio per Rosario D'Anna

Messaggioda Observer il ven giu 22, 2018 1:01 pm

mrgim ha scritto:Io voglio sentire observer :D


preferirei non esprimermi ....
****

Sono solo i superficiali a non giudicare mai dalle apparenze (O. Wilde - Aforismi)
Avatar utente
Observer
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 4825
Iscritto il: lun nov 08, 2010 12:16 pm
Ha detto grazie: 171 volte
E'stato ringraziato : 441 volte
Qualifica: Osservatore

Re: Rinvio a giudizio per Rosario D'Anna

Messaggioda vergognAIA il ven giu 22, 2018 1:05 pm

mrgim ha scritto:Io voglio sentire observer :D

Io pure attendo con ansia, cosi completiamo il trittico (Marblè/Nap) delle analisi stile https://www.youtube.com/watch?v=FZaA6VycnWE :shock: ...
vergognAIA
 
Messaggi: 61
Iscritto il: gio mag 12, 2016 1:25 pm
Ha detto grazie: 5 volte
E'stato ringraziato : 13 volte

Re: Rinvio a giudizio per Rosario D'Anna

Messaggioda Radici il ven giu 22, 2018 1:06 pm

Io ormai, dopo le.varie affermazioni, quella.è la porta, i pirati......ecc.ecc.non mi meraviglio più di niente, anzi dico W NICCHI, W D'ANNA w. Tutti gli arrampicatori di specchi.....Poveri noi !
Radici
 
Messaggi: 391
Iscritto il: mar lug 27, 2010 11:51 pm
Ha detto grazie: 249 volte
E'stato ringraziato : 24 volte

Re: Rinvio a giudizio per Rosario D'Anna

Messaggioda Observer il ven giu 22, 2018 1:16 pm

vergognAIA ha scritto:
mrgim ha scritto:Io voglio sentire observer :D

Io pure attendo con ansia, cosi completiamo il trittico (Marblè/Nap) delle analisi stile https://www.youtube.com/watch?v=FZaA6VycnWE :shock: ...


non sapevo che fossi Antani anche tu.
****

Sono solo i superficiali a non giudicare mai dalle apparenze (O. Wilde - Aforismi)
Avatar utente
Observer
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 4825
Iscritto il: lun nov 08, 2010 12:16 pm
Ha detto grazie: 171 volte
E'stato ringraziato : 441 volte
Qualifica: Osservatore

PrecedenteProssimo


{ SIMILAR_TOPICS }


Torna a Notizie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti