Il rimpianto di Tagliavento: «Se avessi avuto il Var...»

Tutto ciò che fa discutere sul mondo arbitrale

Il rimpianto di Tagliavento: «Se avessi avuto il Var...»

Messaggioda BlueLord il ven nov 23, 2018 6:42 pm

L'ex arbitro, ora club manager della Ternana: «Polemiche? Quel "Nel recupero vinciamo" è stato qualcosa di ridicolo. I social hanno esasperato ogni situazione perché in tv ci metti la faccia, al pc o attraverso un telefonino è tutto più semplice»

1.jpg


ROMA - "Ho avuto l'opportunità di scegliere la Ternana, ma non è stato semplice. Non lo è per uno che esce dal mondo degli arbitri, ma le sfide mi sono sempre piaciute e ho deciso, a seguito di un progetto importante, di tentare questa nuova sfida e il pensiero di poterla vincere insieme alla mia città mi ha entusiasmato". Così, ai microfoni di Radio Marte, l'ex arbitro Paolo Tagliavento e attuale club manager della Ternana.

POLEMICHE - L'ex direttore di gara parla del suo passato e delle polemiche che, inevitabilmente, nel corso di una carriera possono starci. "Chi sceglie di fare l'arbitro sa perfettamente che l'errore è quotidiano o quasi e sopporta anche le critiche, ha le spalle larghe. Polemiche? Quel "Nel recupero vinciamo" è stato qualcosa di ridicolo. I social hanno esasperato ogni situazione perché in tv ci metti la faccia, al pc o attraverso un telefonino è tutto più semplice".

VAR - "Il mio rimpianto - sottolinea Tagliavento - è non aver avuto il Var che è arrivato tardi. I miei 3 o 4 errori più importanti in carriera sarebbero stati risolti. Il gol di Muntari è oggettivamente uno dei più grandi, ma già un anno dopo con gli addizionali non sarebbe capitato, oggi poi con la goal line technology non ne parliamo proprio".

TECNOLOGIA - "Sono felice di aver fatto l'arbitro in quella generazione. Poi, quello che non è successo in 30 anni è accaduto in 5 anni dove la tecnologia ha preso il sopravvento nel mondo del calcio. Gli arbitri sono tutti felici della tecnologia perché ora la possibilità di sbagliare è minima ed è una cosa che fa piacere a chi dirige una partita", ha aggiunto Tagliavento che non dimentica l'esperienza internazionale. "Tra tante partite arbitrate, la bellezza di arbitrare all'estero, in Champions, nessuno la batte. Ricordo tante partite, in particolare Scozia-Inghilterra perché c'è tutta una storia politica e di cultura dietro, due popoli corretti che vivono questa partita oltre l'evento sportivo e questo clima lo leggevo negli occhi dei calciatori e lo sentivo dagli spalti".

FUTURO DA OPINIONISTA? - Alcuni suoi ex colleghi hanno scelto la strada dell'opinionista in tv. "Non me l'hanno proposto e nella vita mai dire mai, ma al momento non la vedo come ipotesi nel mio futuro. Andare in tv e criticare le scelte di amici e colleghi arbitri non fa parte della mia filosofia. Dai colleghi che fanno questo lavoro in tv mi aspetto che vadano a riconoscere l'errore dell'arbitro, ma senza fare ulteriori danni. Il mio erede? Ci sono tanti arbitri bravi in Italia che si caratterizzano per carattere, educazione e cultura, ma chi fa l'arbitro in serie A ha fatto già un percorso importante e si è formato perché la selezione, vi assicuro, è tanta".

TERNANA - Ultime battute per sottolineare che non ha nessuna fede calcistica che non sia quella rossoverde. "Seguo poco la serie A perché ho intrapreso questa sfida alla Ternana e il poco tempo libero lo dedico alla famiglia. Sono tifoso della Ternana, ma in carriera mi sono sentito dire che ero tifoso di tante squadre e invece, l'arbitro in campo e' solo tifoso di se stesso", ha concluso Tagliavento.

Fonte:
corrieredellosport.it
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Avatar utente
BlueLord
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 19772
Iscritto il: dom dic 21, 2008 11:04 am
Località: Campania
Ha detto grazie: 2599 volte
E'stato ringraziato : 898 volte


{ SIMILAR_TOPICS }


Torna a Notizie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot], mimoriale e 3 ospiti