La figura dell'OA andrebbe rinnovata?

Forum dedicato al mondo degli osservatori arbitrali. Suggerimenti,metodi e approcci per avere il massimo nel confronto col direttore di gara

Re: La figura dell'OA andrebbe rinnovata?

Messaggioda pericarbonior il mar gen 19, 2016 11:48 am

Observer ha scritto:Io del ruolo dell’OA penso quanto segue.


1) Non è vero che il ruolo dell’OA è da considerarsi l’anello debole dell’Associazione, come vaneggiano ciarlatani vecchi e nuovi ad ogni elezione quadriennale. Perché siccome ho visto molte lune passare nella mia vita di viso pallido, io “osservatore fumante” lo so già dove si vuole andare a parare blaterando dell’eliminazione del colloquio in CAN PRO. Si vuole affermare più o meno solennemente che gli OA sono uno dei mali tecnici dell’AIA e che meglio sarebbe se fossero sotto il controllo del Settore Tecnico invece che inquadrati negli OT. Il che sarebbe anche una opzione discutibile, se non fosse proposta in maniera così destrutturata e faziosa. Però una cosa è certa: per come sono rimborsati, e per come sono formati … gli OA non sono l’anello debole dell’Associazione. Perché conosco una infinità di colleghi che ci mette passione e competenza. Perché so che tanti si pagano di tasca propria parte delle trasferte che mamma AIA non rimborsa per fare formazione, eccetera. Quindi è ingeneroso parlare di anello debole. Ci sono dei problemi, ma i problemi sono ben altri.
2) Il problema fondamentale del ruolo degli OA è la scelta della classe dirigente che li gestisce. Che è un problema che c’era ai tempi di Campanati quando si chiamavano Commissari Speciali. Che è un problema che Marcello Nicchi non ha saputo ancora risolvere con efficacia. Ma che è un problema che non saprà risolvere nemmeno chi verrà dopo di lui se non si ficcherà nella testa che il ruolo OA è un ruolo che merita RISPETTO e FORMAZIONE. Oggi la scelta degli OT che si occupano degli Osservatori viene fatta per ultima, e spesso la patata bollente se la prende gente che non ha voglia o competenze specifiche in materia. Solo che siccome sono OT, allora si occupano anche di OA. Ecco, vanno trovati OT competenti e appassionati della materia, e vanno identificati in fretta perché non è possibile che gli OA siano sempre e solo l’ultima ruota del carro.
3) Formazione. Ma avete mai partecipato ai raduni degli Osservatori di un qualsiasi OT nazionale? Io si, più di una volta e con molti responsabili che mi gestivano. Non è verosimile che il raduno OA si componga di 24 ore, delle quali 12 passate in aula a leggere le relazioni che non vanno bene, ed altre 12 a leggere le direttive dell’OT. Sono pochi i designatori illuminati e saggi i quali dicono “le disposizioni te le ho inviate in s4y, do per scontato che le hai lette e comprese e non passiamo del tempo a Sportilia a leggerle”. Punto. Il tempo a Sportilia deve essere impiegato per fare lezioni con psicologi e sociologi dello sport. Dobbiamo imparare a leggere la prossemica di chi ci sta davanti, sviluppare le nostre doti empatiche, imparare a sostenere un colloquio, a scegliere le parole da usare ed i termini che invece innalzano un muro invece di abbassarlo. Ovviamente, non è pensabile di fare solo 2 raduni (inizio stagione e metà campionato) ma se ne devono fare magari di macro regionali ma ogni mese o ogni due mesi (come si faceva alla CAI anni fa).
4) Impiego. Non è verosimile che l’OA cresca e venga utilizzato sotto casa, perché così è più comodo. Un OA che vede la stessa squadra 10 volte in una stagione, semplicemente non cresce ed un OA che non cresce è un OA che non serve a un accidente di niente. Gli OA devono viaggiare, e il momento di briefing con la terna è un momento importantissimo. Voi non avete idea di che grosso regalo hanno fatto a tanti vecchi OA della vecchia guardia annullando il briefing con l’AE … perché adesso son più comodi e possono partire un’ora dopo ed arrivare direttamente allo stadio.
5) La funzione dell’OA. La funzione dell’Osservatore varia al variare dell’OT di inquadramento. Negli OT periferici (così chiamati perché si definiscono di formazione, io ho sentito dire che la CAND è un ruolo di formazione e mi vien da dire … ma quando mai!!??) l’OA ha la funzione del papà, di mamma chiocchia, del formatore. Dalla CAI in poi diviene selezionatore, ed è vero che dalla CAN PRO focalizza la propria attenzione sugli episodi, ma lo fa a giusta ragione perché da un lato la formazione dell’Arbitro uomo è finita da un pezzo, e poi perché parafrasando un Dirigente Arbitrale che stimo immensamente: “è questo che ci chiede il calcio”. I nostri Arbitri in CAN PRO arrivano ad avere puntate sempre e comunque 4 telecamere di una società che si chiama Sportube che viviseziona quello che loro fanno. Un errore in Lega PRO è un motivo di decremento della prestazione, perché introduce un concetto diverso dalla CAN D ovvero lo stato di forma momentaneo invece che la proiezione di futuribilità potenziale. Sono momenti di crescita diversi, e per questo occorre fare domande diverse e dare risposte diverse.
6) Va detto, che in alcuni casi ad in alcuni OT alcune di queste cose succedono. E va anche detto, a costo di sembrare un supporter dell’attuale dirigenza, che mai come in questo management si è lavorato sulla uniformità tecnica e sulla crescita tecnica, con produzione di supporti multimediali e casi di scuola che ci aiutano.

Non è abbastanza però. Occorre trovare dei formatori e dei motivatori che riescano a prendere questo gruppo di persone e che riescano a farli rendere al meglio.

Poi, se entriamo nella psicologia dell’OA … ovviamente c’è quello appassionato. Ma c’è anche il carrierista, o quello che vuole togliersi la soddisfazione di arrivare in quegli stadi dove non è mai giunto da Arbitro e che per questo si dimostra accomodante. Alliscia l’OT … si prostituisce.

Ma non è il corpo degli OA ad essere malato perché magari 1 o 2 elementi non hanno una etica forte. Ricordate che dei comportamenti personali, risponde l’individuo e non la categoria. Ed è ingiusto per questo criminializzare un certo numero di persone che, con il freddo o con la pioggia, che sia bello o che tiri vento … si va a passare un pomeriggio al freddo in una tribuna in inverno per poi fare una relazione che deve arrivare entro le 24 ore successive impiegando tempo e risorse tolte alle famiglie. Per … poche decine di euro di diaria.

Nessuno vi inputa le nostre scelte. Le facciamo noi, e siamo felici di farle. Ma come Osservatori Arbitrali, chiederemmo anche quel minimo di rispetto che ci impone la fierezza dei nostri comportamenti.

In questo post ci sono considerazioni condivisibili, ma il ruolo va ampiamente riformato a partire proprio dal rapporto OA/AE nelle modalità del colloquio, superando le fasi della recita in cui ogni parte in commedia recita se stessa. Impossibile diffondere conoscenze di tipo parauniversitario a chi fatica a riconoscere zero da una "o". Observer è, probabilmente, una eccezione, ma non si può chiedere di fare a chiunque solo ciò che sa fare qualcuno. Il ruolo OA può anche rimanere negli OTN, ma con radicali modifiche selettive ed organizzative.
pericarbonior
 
Messaggi: 485
Iscritto il: mar set 29, 2015 11:51 am
Ha detto grazie: 0 volte
E'stato ringraziato : 46 volte
Sezione di: Arezzo
Qualifica: Arbitro
Categoria: Serie C1

Re: La figura dell'OA andrebbe rinnovata?

Messaggioda arrigo il mar gen 19, 2016 12:44 pm

pericarbonior ha scritto:
Il ruolo OA può anche rimanere negli OTN, ma con radicali modifiche selettive ed organizzative.


Sarebbe interessante che ci spiegassi quali sono le "modifiche selettive e organizzative" che vorresti introdurre
arrigo
 
Messaggi: 404
Iscritto il: ven gen 28, 2011 11:14 am
Ha detto grazie: 36 volte
E'stato ringraziato : 74 volte

Re: La figura dell'OA andrebbe rinnovata?

Messaggioda Observer il mar gen 19, 2016 3:36 pm

Il momento della recita è figlio dei tempi che lo hanno generato. Oggi gli AE parlano a 140 caratteri, dopo il 141esimo cala la soglia di attenzione.

Un OA che non sa sintonizzarsi sulla persona che ha davanti, farebbe meglio la domenica pomeriggio a starsene a casa con la moglie.



arrigo ha scritto:
pericarbonior ha scritto:
Il ruolo OA può anche rimanere negli OTN, ma con radicali modifiche selettive ed organizzative.


Sarebbe interessante che ci spiegassi quali sono le "modifiche selettive e organizzative" che vorresti introdurre


eccellente domanda, attendiamo trepidanti una risposta.
****

Non viaggio mai senza il mio diario. Si dovrebbe avere sempre qualcosa di sensazionale da leggere in treno.
(O. Wilde - Aforismi)
Avatar utente
Observer
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 5459
Iscritto il: lun nov 08, 2010 12:16 pm
Ha detto grazie: 243 volte
E'stato ringraziato : 526 volte
Qualifica: Osservatore

Re: La figura dell'OA andrebbe rinnovata?

Messaggioda asterix84 il mar gen 19, 2016 10:05 pm

Interessante la disamina di Observer che mi sento di condividere nella parte in cui chiede maggiore approfondimento tecnico, preparazione a sostenere un colloquio/confronto in cui l'OA deve saper dare valore alle sue valutazione senza temere di "rendere infelice" un arbitro o subirne la critica. Per mia esperienzaritengo il ruolo OA importantissimo a livello regionale, ma un buon 90% degli OA (facendo le proporzioni con la mia regione) del tutto inadeguato al ruolo. Innegabile che l'errore è a monte allorchè presidenti compassionevoli pur di non perdere un associato lo "costringono" afre il corso OA senza saper scrivere, parlare e conoscere ilregolamento. Nessun bocciato ai corsi OA, nessun bocciato ai corsi di aggiornamento, tanti caproni felici a pascolare in tribuna la domenica. Allora ben venga la "selezione" naturale fatta di continui incontri tecnici dove se si sbagliano 5 domande si sta fermi e se la volta successiva ne sbagli ancora 5 stai ancora fermo e se ne sbagli ancora hai il NRT perchè se devi insegnare regolamento devi conoscerlo meglio dell'alunno. Tanto si potrebbe fare e si ridurrebbe il numero degli associati di almeno 7/8000 unità nel giro di 2 anni.
asterix84
Fischietto di bronzo
 
Messaggi: 860
Iscritto il: ven giu 19, 2009 11:17 pm
Ha detto grazie: 2 volte
E'stato ringraziato : 31 volte
Qualifica: Arbitro

Re: La figura dell'OA andrebbe rinnovata?

Messaggioda Observer il mar gen 19, 2016 10:35 pm

beh no ... scusa Asterix questo no. Almeno ... questo discorso va contestualizzato. Diciamo in prima battuta che la nostra Associazione non brilla per lungimiranza.

Perché dico questo? Dico questo perché fino ad alcuni anni fa, della figura dell'OA non importava una beata mazza a nessuno. Non importava ai piani alti di via Campania (una volta via Tevere, ma vi faccio presente che quando ho fatto il corso negli anni '80 io la sede stava in via Gregorio Allegri quindi ... sono vecchietto) .... non importava agli OT di qualsiasi acquartieramento, non importava agli stessi OA che spesso facevano il corso giusto per tenersi la tessera in tasca.

Anche qua ... a costo di restare sul pedante, la funzione è stata riqualificata da Alfredo Trentalange e dal Settore Tecnico. Stanno iniziando a capire che investire sulla funzione di OA porta dei frutti.

Ma ovviamente oggi gli organici sono fatti da gente formatasi sui ciclostile in word ... una crocetta 8,50 ... due crocette 8,50 ... tre crocette 8,60 ... nessuna crocetta 8,40 (sto parlando dei voti degli AA). E poi voto, proiezione di futuribilità ... il FEAT ... i moltiplicatori .... insomma tutto un pattume ideologico fatto da gente che non capisce la differenza tattica tra una difesa a 3 (peraltro molto rara) e una a 4 per capirci.

Ma la nostra Associazione vive di cicli e di anticicli. Negli anni 90 ... all'inizio soprattutto ... ci fu una onda lunga di riqualificazione della funzione che portò al cambio del nome da Commissario Speciale a Osservatore Arbitrale. E le commissioni ... hai voglia se bocciavano. C'erano dei componenti nazionali ... particolarmente simpatici ... che erano dediti alle statistiche. Si diceva che mediamente il 30% dei partecipanti ai costi di qualificazione alla funzione di OA dovesse essere bocciato ... e bocciavano.

Ed i quiz erano fatti apposta per trarre in inganno. Una generazione di colleghi che dirigeva in eccellenza e promozione ma senza proiezione di futuribili ... sui 30 ... 34 anni ... si sono ritrovati dal campo transitati nel ruolo commissari di imperio ... e abbiamo perso in alcune stagioni centinaia e centinaia di validissimi colleghi che volendo continuare ad arbitrare sono andati in altre federazioni.

O che offesi per il trattamento, si sono dimessi.

Ma negli anni 90 gli OA si bocciavano eccome, il problema è che non si bocciavano sulla base delle competenze e delle conoscenze ... ma si bocciavano su base statistica in relazione a quanti OA servivano alla regione dove facevano i corsi.

Ora tu comprenderai bene che, se tratti gli OA come bestie da soma, non puoi pretendere che siano anche bravi. Viene quello che viene, e se uno nasce appassionato lo si deve al caso.

Tenete presente che, e lo ripeto sempre fino alla nausea, la generazione di presidenti di Sezione giovani e cretini che ci troviamo (non tutti, ovviamente, parlo di un certo numero pur essendoci lodevoli eccezioni) ce li troviamo in mezzo alle biglie perché tutta una generazione di possibili dirigenti sono stati fatti fuori da visioni come questa.

Se diminuisce il numero delle gare ... si iniziano le purghe ... e si inizia dai non futuribili ... poi si passa a quelli che non vengono alle RTO .... poi a quelli che scannano i quiz ... e alla via così con una eugenetica arbitrale che mi fa ribrezzo.

Perché se poi vai a scoprire le cose come stanno per davvero ... tanta gente non viene alle RTO perché sono di una noia mortale. Sono tenute o da ragazzini volenterosi ma poco capaci ... o da dirigenti sezionali cialtroni che non sanno nemmeno leggere le risposte che il Settore Tecnico acclude ai video.

Se i ragazzi sbagliano i quiz, certo alle volte capita perché non studiano. Ma spesso capita perché a fare i corsi arbitri ci mettono gli ottantenni che non sanno nemmeno aprire un file in powerpoint ... e quando lo fanno guardano solo le presentazioni dimenticandosi completamente che in Corso Arbitri il regolamento VA LETTO. Perché se non lo leggi almeno una volta in quel consesso ... poi i ragazzi a casa non se lo aprono per studiare. Fanno altro ........

Per questi motivi io dico sempre di andarci piano con le purghe e con le epurazioni. Perché un Arbitro demotivato oggi ... potrà essere se opportunamente stimolato un grande dirigente sezionale o regionale domani. E trattando i fuori fascia a pesci in faccia ... tutta quella gente ce la perdiamo.

****

Oggi ... vedo all'orizzonte tutti i segnali di quegli anni 90 ... vedo che si iniziano a fare discorsi sulle gare in esubero ... sul reclutamento calmierato ... sulla necessità di svecchiare gli organici.

Ma faccio presente che un OA a fine ciclo ... merita rispetto. Non foss'altro che per il trentennale apporto che ha dato all'associazione.
****

Non viaggio mai senza il mio diario. Si dovrebbe avere sempre qualcosa di sensazionale da leggere in treno.
(O. Wilde - Aforismi)
Avatar utente
Observer
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 5459
Iscritto il: lun nov 08, 2010 12:16 pm
Ha detto grazie: 243 volte
E'stato ringraziato : 526 volte
Qualifica: Osservatore

Re: La figura dell'OA andrebbe rinnovata?

Messaggioda pericarbonior il mar gen 19, 2016 11:28 pm

Quando si dice svecchiare ecco qui una rappresentazione plastica di ciò che non funziona più. Inimmaginabile infatti usare mezzi snelli come questo con pistolotti così lunghi che denotano (se replicati nello spogliatoio) un modo prolissamente british di comunicare. Ecco, a mio parere e senza nulla togliere ad indubbie ed evidenti capacità espressive, toglierei dal colloquio dello spogliatoio chi si dilunga, infioretta, ricerca più prossemica che tecnica e finisce per ingrigire i contesti arbitrali e sezionali. Non è neanche questione di competenze, ma di metodo. Il calcio ci chiede cose diverse, perché poi arrivano Mancini ed Higuain e con l'ombrello e la giacca da lord altro non puoi trasmettere ai ragazzi che una figura di cariatide. Non dico che non vi siano cose condivisibili, ma risultano logore, vecchie e nostalgiche. Effettivamente però, Trentalange ha aperto per la prima volta le finestre della modernità e questo è sicuramente un merito che gli va riconosciuto.
Ultima modifica di pericarbonior il mar gen 19, 2016 11:36 pm, modificato 1 volta in totale.
pericarbonior
 
Messaggi: 485
Iscritto il: mar set 29, 2015 11:51 am
Ha detto grazie: 0 volte
E'stato ringraziato : 46 volte
Sezione di: Arezzo
Qualifica: Arbitro
Categoria: Serie C1

Re: La figura dell'OA andrebbe rinnovata?

Messaggioda Observer il mar gen 19, 2016 11:36 pm

Beh meno male ... Almeno sta cariatide prolissa una giusta l'ha detta .....


Ps: se prendi ad esempio Mancini ed Highain ovviamente lo fai a tuo rischio e pericolo ......

Pps: a livello nazionale un colloquio non dura più di 20 / 25 minuti. I ragazzi devono prendere l'aereo ... Per cui uno può essere prolisso quanto gli pare ma sempre 20 minuti tiene per fare 3 colloqui ... Quando non 4 peraltro .... Quindi scusa ma dici cose destrutturate e senza senso.
****

Non viaggio mai senza il mio diario. Si dovrebbe avere sempre qualcosa di sensazionale da leggere in treno.
(O. Wilde - Aforismi)
Avatar utente
Observer
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 5459
Iscritto il: lun nov 08, 2010 12:16 pm
Ha detto grazie: 243 volte
E'stato ringraziato : 526 volte
Qualifica: Osservatore

Re: La figura dell'OA andrebbe rinnovata?

Messaggioda pericarbonior il mar gen 19, 2016 11:42 pm

In realtà, hai detto diverse cose giuste e che costituiscono una tua autorevole possibilità di candidarti al Settore Tecnico. Alcune non le condivido, ma altre sono sicuramente interessanti, soprattutto perché l'analisi affonda nel passato che io non ricordo e in quegli anni 90 che costituiscono un punto buio per interpretare e spiegare correttamente l'odierna crisi del ruolo OA. P.S. Dico spesso cose senza senso, ma poi il senso ritorna da me...
pericarbonior
 
Messaggi: 485
Iscritto il: mar set 29, 2015 11:51 am
Ha detto grazie: 0 volte
E'stato ringraziato : 46 volte
Sezione di: Arezzo
Qualifica: Arbitro
Categoria: Serie C1

Re: La figura dell'OA andrebbe rinnovata?

Messaggioda Observer il mar gen 19, 2016 11:51 pm

:-)

Se poi il senno ritorna in te ... Allora c'è speranza.
****

Non viaggio mai senza il mio diario. Si dovrebbe avere sempre qualcosa di sensazionale da leggere in treno.
(O. Wilde - Aforismi)
Avatar utente
Observer
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 5459
Iscritto il: lun nov 08, 2010 12:16 pm
Ha detto grazie: 243 volte
E'stato ringraziato : 526 volte
Qualifica: Osservatore

Re: La figura dell'OA andrebbe rinnovata?

Messaggioda arbitrello2 il mer gen 20, 2016 3:11 pm

ma finché la valutazione dell'oa basa su valutazioni soggettive e non oggettive non sarà mai possibile uniformare le opinioni di OA e AE.
Avatar utente
arbitrello2
Fischietto d'argento
 
Messaggi: 1790
Iscritto il: mar mag 01, 2012 8:11 pm
Ha detto grazie: 31 volte
E'stato ringraziato : 34 volte
Qualifica: Assistente
Categoria: Eccellenza

PrecedenteProssimo


{ SIMILAR_TOPICS }


Torna a Osservatori arbitrali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti