N. Rizzoli -Parliamo dei falli di mano - Risposta a Veltroni

Tutto ciò che fa discutere sul mondo arbitrale

N. Rizzoli -Parliamo dei falli di mano - Risposta a Veltroni

Messaggioda BlueLord il sab lug 18, 2020 7:54 am

Caro Veltroni, rispondo volentieri alla Sua lettera con altrettanta e sincera stima, cercando di farlo nella maniera più trasparente e comprensibile, evitando discorsi retorici o di circostanza. Ho apprezzato molto il tono ed iconcetti espressi nelle sue parole, che sottolineano la stima per la «classe arbitrale», spesso sotto attacco più o meno discutibilmente, evidenziandone le molteplici difficoltà in cui si devono prendere decisioni importanti in frazioni di secondo. Le considerazioni da Lei menzionate però non vertono sulle decisioni, corrette o sbagliate, o su polemiche su presunti torti arbitrali, bensì su concetti che si elevano ad un piano superiore e sui quali concordo con Lei sia corretto soffermarci tutti per una riflessione. Premettendo che, se la considerazione principale riguarda la volontà di cambiare le regole del gioco del calcio, non sono la persona adatta a cui fare questa domanda poiché l’ente preposto alla stesura delle stesse è l’Ifab.

mano.jpg


RIVOLUZIONE
Per questo motivo non mi permetto di giudicare la regola, ma possiamo riflettere sui concetti interpretativi e soprattutto sui motivi per cui una regola viene creata. Nella fattispecie, infatti, il suo primo tema riguarda i falli di mano che da sempre sono il problema di attualità da quando esiste il calcio moderno: quello in cui le partite sono«vivisezionate», per usare un termine per me discutibile, alla moviola attraverso l’utilizzo di decine di telecamere posizionate a bordocampo, sugli spalti e perfino dietro le porte. Partendo da questo presupposto, anno dopo anno il regolamento e la tecnologia si sono evoluti ed adeguati, arrivando a ciò che mi viene da paragonare alla seconda rivoluzione industriale della metà dell’800. La rivoluzione tecnologica e normativa delle ultime tre stagioni calcistiche ha cambiato e sta cambiando in maniera sostanziale l’arbitraggio. Credo sia corretto, prima di fare le altre considerazioni, guardarsi alle spalle studiando la storia o meglio ancora la citata «sperienza» leonardesca spiegata nella sua lettera (a me tanto cara in quanto architetto): tale cambiamento si è reso necessario per raggiungere obiettivi importanti quali la comprensione delle regole e l’uniformità di giudizio, senza lasciare un arbitro “al buio” delle immagini che tutto il mondo poteva rivedere dopo pochi secondi; dare quindi la possibilità a chi deve prendere le decisioni di rivalutare alcune situazioni importanti e determinanti per il risultato di una partita. Tutto ciò punta a migliorare l’attrattività del prodotto calcio e la sua credibilità, attraverso comportamenti più rispettosi di tutte le componenti sul terreno di gioco. Tornando sui falli di mano, credo sia importante analizzare i dati statistici del nostro campionato prima di paragonarli con il resto d’Europa.

ESPERIENZA
Poiché «l’esperienza è il solo insegnante in cui possiamo confidare», diceva Leonardo, dai dati si evince come i cambiamenti tecnologici Goal Line Technology e Video Assistant Referee (Glt e Var), assieme ai vari cambiamenti regolamentari delle ultime stagioni, abbiano inciso in maniera importante sui numeri globali. Ho da sempre sostenuto che fortunatamente il calcio non è una scienza esatta, per cui una giocata talentuosa di un campione o un errore di un difensore possono portare a rompere l’equilibrio di una partita anche in un modo imprevedibile; allo stesso modo non ci sono e mai ci saranno casi identici, ma situazioni simili dove sarà importantissimo per la regolarità del campionato avere omogeneità di valutazione. Così si è cercato di rendere il regolamento più oggettivo e meno interpretabile, come si evince anche dai paragrafi che lei ha correttamente riportato. Tutto ciò evidentemente non toglie la parte di interpretazione dell’arbitro, ma cerca di limitarla. Che sia giusto o meno non ha molta importanza, ciò che conta è domandarsi dove vogliamo arrivare e se stiamo intraprendendo la strada corretta. Per farlo, c’è bisogno di un confronto costante con chi scrive le regole del gioco e la conferma di questo sta nel fatto che costantemente qualche modifica viene apportata in conseguenza della ormai famosa «sperienza»

INCREMENTO
Se analizziamo assieme i dati italiani a mio avviso la preoccupazione più grande è sull’incremento generalizzato, rispetto alla scorsa stagione, di tutte le voci riportate: ammonizioni +10,5%, espulsioni +38,24%, tra le quali spiccano quelle per grave fallo di gioco o condotta violenta (+ 121,43%). Espulsioni che servono a salvaguardare l’incolumità dei giocatori più talentuosi, che dopo l’introduzione della Var erano diminuite per la consapevolezza del controllo tecnologico, e che ora si sono impennate nuovamente. La nota positiva deriva dal calo dei rossi per proteste, segnale che il cambiamento regolamentare in questo caso ha portato più consapevolezza. Per terminare il capitolo provvedimenti disciplinari c’è da rimarcare la battaglia sportiva che viene fatta alle simulazioni con un aumento delle sanzioni del 31,58%. In questo contesto, che definisco culturale italiano, poiché i numeri dei Paesi anglosassoni sono diversi, si inserisce il discorso dei falli di mano.

RILEVANZA
Lei ha ragione, quando dice che il fallo di mano che porta al decretare quella che in gergo giornalistico viene definita la «massima punizione» debba avere un riscontro nell’importanza dell’azione. Un fallo di mano che impedisce ad un tiro di arrivare in porta o un cross di raggiungere l’interno dell’area di rigore deve avere una rilevanza calcistica diversa rispetto a un tocco tra braccio e pallone innocuo che sta uscendo dall’area di rigore. Le statistiche sulla tipologia dei falli di mano, infatti, danno questo conforto. Sui 50 rigori decretati in questa stagione: 30 puniscono un braccio/mano che ha intercettato un tiro o un cross; 8 un fallo di mano volontario,mentre i restanti 12 per contatti mano/pallone dovuti alla posizione delle braccia sopra le spalle o posizionate in modo innaturale aumentando lo spazio occupato dal corpo. L’ultima categoria probabilmente rappresenta l’incremento di casi dovuto al cambiamento regolamentare con un aumento di criteri di punibilità da lei correttamente evidenziato. Oggi, infatti, la regola continua evidentemente a punire i falli volontari, ma stabilisce inoltre dei criteri di punibilità anche di ciò che non è volontario. Ci si poteva aspettare, quindi, un aumento dei calci di rigore ma non credo sia corretto imputare tutto al cambiamento della regola, accettando quindi un confronto sulle possibilità interpretative delle norme. Sottolineo, come ho sempre sostenuto, che ai giocatori non è richiesto di andare a difendere con le braccia dietro la schiena; è invece evidente che, in caso di tiro in porta o cross in area, aumentare lo spazio occupato dal corpo in modo innaturale equivale ad assumersi un rischio.

CONDIVISIONE
Questo è un approccio filosofico alla materia «falli di mano» condiviso a livello europeo (cito l’Europa perché le sue statistiche riguardano i cinque campionati più importanti) poiché ogni due settimane i designatori di quelle cinque Federazioni si riuniscono in una video call organizzata e condotta dalla Uefa proprio per avere la stessa linea di visione ed interpretazione sulle situazioni tecniche e di utilizzo del Var. È curioso osservare come le statistiche italiane e spagnole siano molto simili ma distanti dai Paesi anglosassoni. Questo denota un’influenza culturale sostanziale dei Paesi latini rispetto agli altri: un arbitro italiano nelle partite Uefa tende a fischiare mediamente 8/10 falli in meno rispetto a quelle italiane, così come le stesse squadre italiane commettono falli. Quindi, come lei ha giustamente sottolineato, il problema c’è. Sono convinto che vada affrontato tutti assieme. Esiste già un occasione di incontro tra arbitri, dirigenti, allenatori e capitani dalla quale onestamente mi sarei sempre aspettato qualcosa di diverso: proposte, idee per condividere tutti assieme una filosofia comune nelle interpretazioni delle regole. Capisco non sia facile, ma un confronto maggiore, partecipato e sereno aiuterebbe il sistema italiano a crescere maggiormente.

Fonte:
La Gazzetta dello sport del 18/07/20
pag. 12
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Avatar utente
BlueLord
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 24446
Iscritto il: dom dic 21, 2008 11:04 am
Località: Campania
Ha detto grazie: 3058 volte
E'stato ringraziato : 1172 volte

Re: N. Rizzoli -Parliamo dei falli di mano - Risposta a Velt

Messaggioda bracco75 il sab lug 18, 2020 10:06 am

Rizzoli ha la caratura morale e i modi di un futuro ottimo Presidente AIA. Felpato, direi quasi "democristiano" nei modi e nei concetti.
Non è che ho paura di morire. Solo che non voglio esserci quando accadrà. W. Allen
Avatar utente
bracco75
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 5122
Iscritto il: mar feb 02, 2010 12:34 pm
Località: Bari
Ha detto grazie: 383 volte
E'stato ringraziato : 565 volte

Re: N. Rizzoli -Parliamo dei falli di mano - Risposta a Velt

Messaggioda quagliabella il lun lug 20, 2020 7:34 am

hanno cambiato tante regole, compreso anche qualche "dogma" al quale eravamo abituati da sempre (tipo il pallone in gioco su calcio di rinvio solo quando usciva dall'area di rigore o il calcio d'inizio e dopo le reti solo calciato in avanti) cambiamo anche questa. CALCIO DI RIGORE SOLO QUANDO C'E UN CHIARA OCCASIONE DA RETE. (scusate il maiuscolo, non è un urlo ma è solo per evidenziare il concetto che volevo esprimere)
quagliabella
Fischietto d'argento
 
Messaggi: 1960
Iscritto il: ven mar 09, 2012 3:54 pm
Ha detto grazie: 319 volte
E'stato ringraziato : 125 volte
Sezione di: Genova
Qualifica: Osservatore
Categoria: Seconda

Re: N. Rizzoli -Parliamo dei falli di mano - Risposta a Velt

Messaggioda OldRef il lun lug 20, 2020 2:01 pm

A mio parere Rizzoli dovrebbe pensare piu' a lavorare per dare uniformità di interpretazione ai propri Arbitri, piuttosto che a scrivere questi papiri politici; quest'anno, tra interpretazioni falli di mano - ricorsi al VAR (l'ultimo caso ieri sera a Roma sulla rete del 1 a 1 della Lazio) - etc, il bilancio tecnico CAN non pare per nulla positivo.
OldRef
 
Messaggi: 64
Iscritto il: dom feb 23, 2020 4:20 pm
Ha detto grazie: 5 volte
E'stato ringraziato : 10 volte
Sezione di: Rimini
Qualifica: Osservatore
Categoria: Giovanissimi

Re: N. Rizzoli -Parliamo dei falli di mano - Risposta a Velt

Messaggioda divisarossa il lun lug 20, 2020 4:25 pm

quagliabella ha scritto:hanno cambiato tante regole, compreso anche qualche "dogma" al quale eravamo abituati da sempre (tipo il pallone in gioco su calcio di rinvio solo quando usciva dall'area di rigore o il calcio d'inizio e dopo le reti solo calciato in avanti) cambiamo anche questa. CALCIO DI RIGORE SOLO QUANDO C'E UN CHIARA OCCASIONE DA RETE. (scusate il maiuscolo, non è un urlo ma è solo per evidenziare il concetto che volevo esprimere)

è paragonabile al "allarghiamo le porte" quando venti anni fa si lamentavano che si segnavano poche reti.

Sarebbe estremamente soggettivo come concetto, allora sarebbe piu semplice dimezzare la grandezza dell'area di rigore :ok
restringendo il rigore ad un fallo commesso nello specchio della porta :lol:
divisarossa
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 4691
Iscritto il: mer giu 09, 2010 8:37 pm
Ha detto grazie: 8 volte
E'stato ringraziato : 312 volte

Re: N. Rizzoli -Parliamo dei falli di mano - Risposta a Velt

Messaggioda claudio92s il lun lug 20, 2020 11:05 pm

Bè, però la ratio mi piace. La differenza tra un rigore ed una punizione sta proprio nel fatto che col rigore hai più probabilità di segnare rispetto ad una punizione. Con una punizione dal limite hai più probabilità di segnare rispetto ad una punizione dai 40 metri.

Ecco, un fallo per un intervento di gioco avvenuto in una parte dell'area di rigore lontana e poco indicativa trova una pena molto più severa di quello che è stato il fallo. C'è della sproporzionalità e in effetti, razionalmente parlando, mi piacerebbe vedere che in realtà non tutti i falli sono rigore, ma solo quelli che avrebbero potuto portare ad una situazione che si sarebbe potuta tramutare in gol o le cui probabilità erano alte, proprio come un rigore.

Chiaramente mi sembra fantasia.
claudio92s
 
Messaggi: 412
Iscritto il: dom apr 30, 2017 7:43 pm
Ha detto grazie: 7 volte
E'stato ringraziato : 21 volte
Sezione di: Trento
Qualifica: Arbitro calcio a 5
Categoria: Serie D

Re: N. Rizzoli -Parliamo dei falli di mano - Risposta a Velt

Messaggioda divisarossa il lun lug 20, 2020 11:27 pm

claudio92s ha scritto:Bè, però la ratio mi piace. La differenza tra un rigore ed una punizione sta proprio nel fatto che col rigore hai più probabilità di segnare rispetto ad una punizione. Con una punizione dal limite hai più probabilità di segnare rispetto ad una punizione dai 40 metri.

Ecco, un fallo per un intervento di gioco avvenuto in una parte dell'area di rigore lontana e poco indicativa trova una pena molto più severa di quello che è stato il fallo. C'è della sproporzionalità e in effetti, razionalmente parlando, mi piacerebbe vedere che in realtà non tutti i falli sono rigore, ma solo quelli che avrebbero potuto portare ad una situazione che si sarebbe potuta tramutare in gol o le cui probabilità erano alte, proprio come un rigore.

Chiaramente mi sembra fantasia.


anche perchè la possibilità di segnare sarebbe direttamente proporzionale alla bravura di un calciatore. Nei giovanissimi 16 metri sono tantissimi...in serie A sono niente.
Secondo me è solo fantacalcio quel che si sta facendo. Non bisogna cambiare il calcio troppo.
divisarossa
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 4691
Iscritto il: mer giu 09, 2010 8:37 pm
Ha detto grazie: 8 volte
E'stato ringraziato : 312 volte

Re: N. Rizzoli -Parliamo dei falli di mano - Risposta a Velt

Messaggioda quagliabella il ven lug 24, 2020 10:14 am

divisarossa ha scritto:
quagliabella ha scritto:hanno cambiato tante regole, compreso anche qualche "dogma" al quale eravamo abituati da sempre (tipo il pallone in gioco su calcio di rinvio solo quando usciva dall'area di rigore o il calcio d'inizio e dopo le reti solo calciato in avanti) cambiamo anche questa. CALCIO DI RIGORE SOLO QUANDO C'E UN CHIARA OCCASIONE DA RETE. (scusate il maiuscolo, non è un urlo ma è solo per evidenziare il concetto che volevo esprimere)

è paragonabile al "allarghiamo le porte" quando venti anni fa si lamentavano che si segnavano poche reti.

Sarebbe estremamente soggettivo come concetto, allora sarebbe piu semplice dimezzare la grandezza dell'area di rigore :ok
restringendo il rigore ad un fallo commesso nello specchio della porta :lol:

ho espresso un concetto in modo molto sintetico come succede sui social. provo a essere piu' chiaro. i tre rigori di parma napoli: non c'e un chiara occasione da rete. niente rigore ma calcio di punizione. oppure (ancora di più) il rigore per fallo di mano in sassuolo milan, il difensore salta e fa una specie di bagher oppure il rigore in udinese genoa. ma sei stai per tirare in porta o il fallo di mano evita un tiro pericoloso, la situazione la vedo diversa. in quanto all'esempio delle porte non dico allargarle ma su un adeguamento della altezza delle stesse all'altezza della razza umana, molto diversa rispetto al 1870/80 o giù di li, non sarebbe poi così illogico visto che ora abbiamo dei portieri che bazzicano sui 195/200 cm. e poi le dimensioni dei terreni di gioco sono tarate in base alla distanza dai pali quindi una modifica dell'altezza non creerebbe modifiche ad area di rigore ed altre misure perimetrali. certo, ci sarebbe il problema delle donne e dei settori giovanili, ma in 150 anni sono cresciuti pure loro. ammetto che a me, di una certa età, certi rigori fanno accapponare la pelle

-- ven lug 24, 2020 11:27 am --

claudio92s ha scritto:Bè, però la ratio mi piace. La differenza tra un rigore ed una punizione sta proprio nel fatto che col rigore hai più probabilità di segnare rispetto ad una punizione. Con una punizione dal limite hai più probabilità di segnare rispetto ad una punizione dai 40 metri.

Ecco, un fallo per un intervento di gioco avvenuto in una parte dell'area di rigore lontana e poco indicativa trova una pena molto più severa di quello che è stato il fallo. C'è della sproporzionalità e in effetti, razionalmente parlando, mi piacerebbe vedere che in realtà non tutti i falli sono rigore, ma solo quelli che avrebbero potuto portare ad una situazione che si sarebbe potuta tramutare in gol o le cui probabilità erano alte, proprio come un rigore.

Chiaramente mi sembra fantasia.

e perchè no, invece? io mi ricordo le passeggiate in area di Zoff nel 1982 con pallone buttato a terra e ripreso mille volte , i passaggi al portiere che la riprendeva in mano e cosi il gioco per vari secondi era morto, gli applausi (altro che espulsione..) al compagno di squadra che "si sostituiva al portiere" e salvava una rete con una bella parata, le sostituzioni... ora sono 5 ma nel mondiale 1966 l'Italia giocò praticamente in 10 perchè NON si potevano fare sostituzioni (o forse solo il portiere)... i placcaggi del difensore all'attaccante che andava diretto in porta ( e se lo ammonivi ti sentivi dire " ma non gli ho fatto niente, la prossima volta allora gli do un calcio), il tempo di recupero molto allungato ( e mi ricordo Martellini, tutto scandalizzato durante la cronaca x i 2' di recupero del famoso Italia/Germania 4a3 che se fosse ora ce ne sarebbero 6o7).... e mi fermo qui.
quagliabella
Fischietto d'argento
 
Messaggi: 1960
Iscritto il: ven mar 09, 2012 3:54 pm
Ha detto grazie: 319 volte
E'stato ringraziato : 125 volte
Sezione di: Genova
Qualifica: Osservatore
Categoria: Seconda

Re: N. Rizzoli -Parliamo dei falli di mano - Risposta a Velt

Messaggioda divisarossa il ven lug 24, 2020 1:10 pm

quagliabella ha scritto:
divisarossa ha scritto:
quagliabella ha scritto:hanno cambiato tante regole, compreso anche qualche "dogma" al quale eravamo abituati da sempre (tipo il pallone in gioco su calcio di rinvio solo quando usciva dall'area di rigore o il calcio d'inizio e dopo le reti solo calciato in avanti) cambiamo anche questa. CALCIO DI RIGORE SOLO QUANDO C'E UN CHIARA OCCASIONE DA RETE. (scusate il maiuscolo, non è un urlo ma è solo per evidenziare il concetto che volevo esprimere)

è paragonabile al "allarghiamo le porte" quando venti anni fa si lamentavano che si segnavano poche reti.

Sarebbe estremamente soggettivo come concetto, allora sarebbe piu semplice dimezzare la grandezza dell'area di rigore :ok
restringendo il rigore ad un fallo commesso nello specchio della porta :lol:

ho espresso un concetto in modo molto sintetico come succede sui social. provo a essere piu' chiaro. i tre rigori di parma napoli: non c'e un chiara occasione da rete. niente rigore ma calcio di punizione. oppure (ancora di più) il rigore per fallo di mano in sassuolo milan, il difensore salta e fa una specie di bagher oppure il rigore in udinese genoa. ma sei stai per tirare in porta o il fallo di mano evita un tiro pericoloso, la situazione la vedo diversa. in quanto all'esempio delle porte non dico allargarle ma su un adeguamento della altezza delle stesse all'altezza della razza umana, molto diversa rispetto al 1870/80 o giù di li, non sarebbe poi così illogico visto che ora abbiamo dei portieri che bazzicano sui 195/200 cm. e poi le dimensioni dei terreni di gioco sono tarate in base alla distanza dai pali quindi una modifica dell'altezza non creerebbe modifiche ad area di rigore ed altre misure perimetrali. certo, ci sarebbe il problema delle donne e dei settori giovanili, ma in 150 anni sono cresciuti pure loro. ammetto che a me, di una certa età, certi rigori fanno accapponare la pelle


Si ma avevo capito. Il fatto è che poi aggiungeresti una soggettività ulteriore per l'arbitro. L'azione era pericolosa o no? Dovresti dare una serie di parametri infiniti. Se il pallone sta arrivando a ronaldo magari tira e si gira in un lamopo improvvisamente e fa gol, se invece sta arrivando al calciatore dei giovanissimi magari nemmeno dall'area di porta segna (estremizzo chiaramente).
Quello di Sassuolo Milan è il rigore piu casuale del mondo. Il giocatore si vede che va deliberatamente per colpirla di testa e la manca.
Sinceramente preferisco una linea chiara come ora su queste dinamiche, che l'incertezza totale nella quale ognuno può interpretare a modo suo.
Perchè intendiamoci, a mio modo di vedere la regola (potendo utilizzare il var) è estremamente semplice e chiara. Al netto di errori di interpretazioni umani, magari dovuti alla fretta, all'ansia, alla telecamera sbagliata, all'orgoglio personale.
Altrimenti torniamo all'epoca in cui nella stessa partita due situazioni simili sono da una parte rigore e dall'altra no, e si creano il triplo di polemiche

il discorso delle porte sarebbe interessante, ma comporterebbe un esborso enorme per realtà calcistiche che hanno piantato le porte nei terreni nel 1950 e ancora giocano con quelli. :icon-mrgreen: di sicuro non è la prima cosa da fare.
divisarossa
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 4691
Iscritto il: mer giu 09, 2010 8:37 pm
Ha detto grazie: 8 volte
E'stato ringraziato : 312 volte



{ SIMILAR_TOPICS }


Torna a Notizie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite