Calcio italiano nuovamente a porte chiuse?

Tutto quello che non trovi in tutte le altre sezioni

Re: Calcio italiano nuovamente a porte chiuse?

Messaggioda bracco75 il sab gen 08, 2022 1:45 pm

Il mio discorso è un po' articolato e cercherò di sintetizzarlo. Premetto che sono vaccinato con 3 dosi, che nella mia famiglia siamo tutti vaccinati, inclusi i bimbi. Ritengo le obiezioni dei no vax ridicole però non sono così sprovveduto da ritenere che questa esplosione di contagi sia solo figlia di essi. La realtà è che per indurre la gente a vaccinarsi hanno venduto la bufala dell'immunità ad iniziare dai virologi da salotto per continuare con il barnum della politica: nella mia città, Bari, il 94% della popolazione vaccinabile ha ricevuto 2 dosi ed il 64% anche la terza. La Puglia è la prima regione italiana per immunizzazione degli under 12. Eppure anche qui siamo a botte di 4-5000 casi al giorno. Purtroppo questa dannata pandemia si accompagna sin dal principio ad una comunicazione istituzionale e giornalistica inadeguata e spesso contraddittoria, che spazia dal paternalismo al catastrofismo e questo non aiuta di certo a scalfire lo zoccolo duro di chi ha deciso di non vaccinarsi.
Non è che ho paura di morire. Solo che non voglio esserci quando accadrà. W. Allen
Avatar utente
bracco75
Fischietto d'oro
 
Messaggi: 6406
Iscritto il: mar feb 02, 2010 12:34 pm
Località: Bari
Ha detto grazie: 475 volte
E'stato ringraziato : 718 volte

Re: Calcio italiano nuovamente a porte chiuse?

Messaggioda lahir il sab gen 08, 2022 4:02 pm

Observer ha scritto:
non sono d'accordo perchè si rischia una china pericolosa. se passasse questa linea di pensiero, in maniera indiscriminata, si potrebbero negare le cure per il cancro ai fumatori, i trapianti di fegato agli etilisti, o le cure contro l'hiv alle professioniste del sesso che dovessero contrarre la malattia.

non possiamo fare eugenetica. il diritto alla salute, come i diritti fondamentali dell'essere umano (una casa, acqua da bere, elettricità per illuminarsi e gas per scaldarsi) sono beni di primaria necessità che devono (o meglio dovrebbero) essere patrimonio comune dell'umanità.

indiscriminatamente.

semmai domandiamo a noi stessi da dove viene una generazione di imbecilli che pensano che in 30 ml di una soluzione liquida, ci sia un chip segreto dei servizi segreti americani, che ti cambia il DNA.

troppo facile rimbambire una generazione di cheesburgher, tronisti e veline, tv spazzatura, e poi lamentarsi del fatto che quando crescono sono una generazione di depensanti.

il rimedio? facile ....

- 20 ore settimanali di educazione civica obbligatoria negli istituti primari
- obbligo sempre negli istituti primari di lettura di classici dell'antologia, con esami finali (almeno, da Manzoni al '800)
- studio della storia obbligatorio come materia di primaria importanza


Per questa parte del tuo discorso mi alzo in piedi per una standing ovation di 60 minuti. Io sono fiero di appartanere ad una nazione in cui il servizio sanitario - con tutti i suoi limiti - cura indiscriminatamente TUTTI. Sarebbe gravissimo discriminare! Anche perché come giustamente dici tu, ci sarebbe una china pericolosissima, nel creare la sanità morale: non curiamo più il cancro ai fumatori, non curiamo il runner salutista che si è preso una storta andando a correre, non curiamo il tossico in overdose, non curiamo la persona che con un rapporto occasionale si è presa una malattia sessualmente trasmissibile etc. (ci sarebbe anche poi un discorso economico, cosa ne sai che con le sue tasse pagate in una vita il no vax non ha già finanziato ampiamente la propria terapia intensiva?). Per cui mi sembra un discorso molto banale. Ma qua chiudiamo l'OT

Torniamo in topic, invece, e veniamo alla prima parte del tuo discorso:

Observer ha scritto: richiesta sacrosanta e tardiva.
il calcio si conferma una macchina cupida e che non tiene conto del bene comune.
spero di tutto cuore che delle due l'una:

- o ci fermiamo completamente
- o stadi chiusi


Non sono per nulla d'accordo. Noi continuiamo a ritenere il calcio come un puro divertimento, un orpello sacrificabile della nostra vita; invece, l'industria del calcio dà da mangiare a una marea di persone. Da chi ci lavora direttamente all'indotto. Dal punto di vista economico ha la stessa dignità di una qualsiasi impresa che dà lavoro ad impiegati ed operai.
Infine, lo spettacolo e lo svago sono elementi fondamentali per la crescita dell'umano. E' vero siamo in emergenza, ma non si può pensare che si debba salvare solo il pane. Il nutrimento dello spirito (che passa anche dal divertimento e dallo svago) è fondamentale tanto quanto quello del corpo.
Vogliamo le porte chiuse o bloccare il campionato? Va benissimo, però allora significa che il giorno dopo devono arrivare i bonifici di ristoro sui c/c di tutti gli operatori dello sport.
lahir
Fischietto di bronzo
 
Messaggi: 914
Iscritto il: mar feb 08, 2011 5:45 pm
Ha detto grazie: 336 volte
E'stato ringraziato : 82 volte

Re: Calcio italiano nuovamente a porte chiuse?

Messaggioda Salt il sab gen 08, 2022 5:51 pm

Il calcio in Italia viene visto come un gioco, soprattutto dalla politica. Ma invece è un'industria che da lavoro a tantissima gente, che pagano le tasse, che andrebbe rispettata come le altre. Perchè chiudere gli stadi e lasciare aperti i centri commerciali dove si accalcano 1000 e 1000 persone ? Per non parlare dei bus, dei treni, degli aerei e potrei andare avanti per ore. Francamente queste decisioni sono "populismo" puro e non mi aspettavo questo da questo governo. Si è deciso di trovare soluzioni alla convivenza con il virus, e non è certo lo stadio ad essere il veicolo del virus. Capisco la riduzione al 50% ma questa decisione della capienza massima a 5000 spettatori la trovo assurda.
E concordo con Cammello: lockdown totale ai non vaccinati, se escono 5000 euro di multa, se si ammalano si pagano le cure da soli. E concordo anche con Bracco: la comunicazione anche ha fallito, questi vaccini non evitano il contagio, ma diminuiscono di tanto le possibilità di stare male e morire e direi che possiamo essere soddisfatti.
Ora hanno deciso 5000 spettatori per le prossime due giornate e Coppa Italia: come scritto su altro thread, per me avrebbero dovuto fare tutti i recuperi, giocare ottavi e magari quarti di Coppa Italia con 5000 spettatori (tante essendo una gara secca non penalizzi nessuno a giocare senza tifosi) e rinviare le due giornate di campionato da recuperare più avanti (una quando erano previsti i quarti di Coppa Italia) e un'altra a a fine Aprile/Maggio quando, magari tutte, le italiane saranno fuori dalle coppe.
Salt
Vincitore Toto-arbitri 2014/2015
 
Messaggi: 12236
Iscritto il: ven apr 13, 2012 11:50 am
Ha detto grazie: 84 volte
E'stato ringraziato : 531 volte

Re: Calcio italiano nuovamente a porte chiuse?

Messaggioda cammello il sab gen 08, 2022 5:51 pm

lahir ha scritto:(ci sarebbe anche poi un discorso economico, cosa ne sai che con le sue tasse pagate in una vita il no vax non ha già finanziato ampiamente la propria terapia intensiva?). Per cui mi sembra un discorso molto banale. Ma qua chiudiamo l'OT


https://www.repubblica.it/cronaca/2022/ ... 1-P2-S1-T1
la vedo difficile come cosa alla luce del tenore delle argomentzioni (stendiamo un velo pietoso sulle trasmissione TV che ne hanno dato risalto)
cammello
Fischietto di bronzo
 
Messaggi: 561
Iscritto il: dom giu 30, 2013 3:33 pm
Ha detto grazie: 11 volte
E'stato ringraziato : 51 volte
Qualifica: Osservatore
Categoria: Serie A

Re: Calcio italiano nuovamente a porte chiuse?

Messaggioda Indice il sab gen 08, 2022 6:00 pm

Il discorso è molto complesso ed io sono un SI VAX convinto, super convinto, oserei dire "militante"! Ma concordo con Observer nel senso che per molti aspetti ci siamo messi in questa situazione da soli; mi riferisco al fatto che abbiamo accettato di convivere passivamente in una società superficiale in cui le regole del vivere civile le dettano gli influencer, in cui le cure per una malattia non le chiediamo più al nostro medico di fiducia ma le cerchiamo su google... e così via. Ed allora è questo il momento se vogliamo salvare da questa deriva "culturale" le future generazioni, E' questo il momento di far funzionare più che mai quei pochi neuroni che ciascuno ha nel proprio cervello. Non è rimandabile! Altrimenti ciclicamente ci troveremo a combattere contro mulini a vento. Passerà il Covid (speriamo) e ci sarà altro su cui ci morderemo il fegato perchè la cultura dell'attenzione al prossimo prima che a se stessi in questa società è pressoché pari a zero e il vittimismo dei complottisti a 360 gradi si alimenterà sempre perchè sarà il paravento dietro cui mascherare la voglia egoistica di fare sempre e comunque ciò che caxxo si vuole.
Scusate la confusione dei concetti...ma purtroppo questo periodo di sofferenza emotiva è davvero pesante!
Indice
Fischietto di bronzo
 
Messaggi: 634
Iscritto il: mar apr 23, 2013 9:36 am
Ha detto grazie: 25 volte
E'stato ringraziato : 85 volte
Qualifica: Arbitro
Categoria: Allievi

Precedente


{ SIMILAR_TOPICS }


Torna a Varie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite